Lecco, 27 agosto 2018   |  

Mons. Delpini celebra in memoria dei cardinali Schuster e Martini

Appuntamento il 30 agosto in Duomo a Milano alle ore 17.30

schuster martini

Giovedì 30 agosto alle 17.30 nel Duomo di Milano l’Arcivescovo monsignor Mario Delpini presiederà una Celebrazione eucaristica in memoria degli Arcivescovi di Milano defunti. La Messa di giovedì sarà dedicata in particolare al ricordo del Beato cardinale Alfredo Ildefonso Schuster (morto il 30 agosto 1954) e del cardinale Carlo Maria Martini (scomparso il 31 agosto 2012).

Nel mese di agosto l’Arcivescovo di Milano e i fedeli ambrosiani hanno già fatto memoria dei cardinali Dionigi Tettamanzi – alla guida della Diocesi dal 2002 al 2011 – nel primo anniversario della scomparsa (5 agosto 2017), e Giovanni Battista Montini – Arcivescovo di Milano dal 1954 al 1963, poi papa Paolo VI – a quarant’anni esatti dalla morte (6 agosto 1978).

Alfredo Ildefonso Schuster nacque a Roma nel 1880. Monaco benedettino, fu nominato Arcivescovo di Milano nel 1929 da Pio XI. Guidò la Chiesa ambrosiana negli anni drammatici della guerra e della ricostruzione post-bellica. Morì nel Seminario arcivescovile di Venegono Inferiore, dove stava trascorrendo un periodo di riposo e al quale era particolarmente legato. È stato proclamato Beato da papa Giovanni Paolo II il 12 maggio 1996.

Carlo Maria Martini nacque a Torino nel 1927. Entrato nella Compagna di Gesù, fu ordinato nel 1952. Biblista di fama internazionale, dopo essere stato rettore del Pontificio Istituto Biblico (1969-1978) e rettore della Pontificia Università Gregoriana (1978-1979), nel 1979 fu nominato Arcivescovo di Milano da Giovanni Paolo II. Il suo episcopato è stato caratterizzato dal culto della Parola come scuola di vita, dall’attenzione agli ultimi, dall’apertura al dialogo tra le religioni e con il mondo laico. Lasciata la guida della Diocesi nel 2002 per raggiunti limiti di età, si ritirò a Gerusalemme, dove approfondì ulteriormente i suoi studi. Quando le sue condizioni di salute lo costrinsero a tornare in Italia, si stabilì all’Istituto Aloisianum di Gallarate, dove rimase fino alla morte. Una folla imponente di fedeli rese omaggio al suo feretro composto in Duomo e alle solenni esequie, presiedute dal cardinale Angelo Scola il 3 settembre 2012.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

14 Novembre 2002 l'Argentina va in default su un pagamento di 805 milioni di dollari statunitensi alla Banca mondiale.

Social

newTwitter newYouTube newFB