Garlate, 27 luglio 2017   |  
Politica   |  Provincia

Migranti in arrivo a Garlate? Cortenova: il Sindaco riferisca ai cittadini

"Un privato, che non risiede a Garlate, avrebbe dato la disponibilità di una abitazione per ospitare queste persone in frazione Valmolina".

Daniele Cortenova Garlate

Daniele Cortenova

Daniele Cortenova a nome della lista di opposizione "Alleanza per Garlate" solleva il tema del gruppo di migranti che starebbe per essere collocato in Valmolina.

In silenzio e con procedura estiva, tale da ridurre impatti politici e mediatici, è previsto nel nostro Comune l’arrivo di sedicenti profughi. Il nuovo bando per l’accoglienza si è chiuso e secondo le nostre fonti un privato, che non risiede a Garlate, avrebbe dato la disponibilità di una abitazione per ospitare queste persone in frazione Valmolina.

palazzina valmolina garlateDopo le numerose segnalazioni dei residenti è stata emanata un’ordinanza che ha bloccato i lavori per 45 giorni, ma cosa succederà tra un mese e mezzo? Abbiamo denunciato più volte che il sistema dell'accoglienza diffusa non funziona: il sindaco dovrebbe essere messo nelle condizioni di operare al meglio in una eventualità come questa. Chiediamo a Giuseppe Conti, Sindaco di Garlate, di informare i consiglieri ed i cittadini sulle decisioni che l’amministrazione comunale ha intenzione di intraprendere nel prossimo consiglio comunale.

Grazie ad una direttiva del Ministero degli Interni, i sindaci, potranno dare dopo 3 mesi di permanenza sul nostro territorio, una regolare carta d’identità. Ottenuta la residenza, non solo non potranno essere espulsi ma permetterà loro di accedere ai servizi sociali dei Comuni ospitanti. Questo significa che questi immigrati peseranno sui Comuni, già con la cinghia tirata e con i bilanci all’osso.

Alleanza per Garlate da sempre, e a maggior ragione oggi, con un’ulteriore importante ondata di flussi immigratori di richiedenti asilo in corso un po’ in tutta la nostra provincia, si schiera contro questo business a vantaggio delle cooperative e di privati. La Provincia di Lecco è satura, di questo passo, con l’imposizione di questa accoglienza, si rischia solo di alimentare intolleranza. Spartizione, affidamento, bando per operatori economici del settore accoglienza, Onlus che nascono come funghi. Risulta molto chiaro perché vengono definite " risorse".

Vogliamo stravolgere l'identità delle nostre comunità? Continuare a gettare come pacchi postali nei nostri comuni centinaia di persone di cui non sappiamo nulla, spesso neppure l'identità?

Daniele Cortenova – ALLEANZA per GARLATE

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Ottobre 1866 – Annessione attraverso plebiscito del Veneto, a seguito della sua cessione dalla Francia all'Italia avvenuta il 19 ottobre 1866

Social

newTwitter newYouTube newFB