Lecco, 03 maggio 2018   |  

Maggio mese della Madonna e delle Rogazioni

di Mario Stojanovic

Nel Cattolicesimo sono atti di penitenza e processioni propiziatorie.

ob 955265 n carver la processione a postignan

Maggio non è soltanto il mese dedicato alla Madonna. Sin dal 400 dopo Cristo infatti maggio è stato anche il tempo delle Rogazioni.

Ma cosa sono le Rogazioni? Nel Cattolicesimo sono atti di penitenza e processioni propiziatorie, sulla buona riuscita della semina, con la finalità di attirare la Benedizione Divina sull'acqua, sul lavoro dell'uomo e sui frutti della terra.

Le Rogazioni si distinguono in maggiori, quando si svolgono il 25 di aprile, e minori, quando si fanno - per noi di rito Ambrosiano - otto giorni prima della festa dell'Ascensione, quest'anno in calendario il 13 maggio.

Nei primi anni sessanta, nel paese della Val San Martino dove son cresciuto e dove ho fatto il chirichetto, ricordo chhe facevamo le Rogazioni. La sera, si andava in chiesa per il Santo Rosario, con le lucciole e i maggiolini che ci rincorrevano per i sentieri. Al mattino, all'alba, con il parroco, si andava lungo i campi, dove si seminava in processione, recitando le preghiere con le litanie dei Santi, per il buon raccolto.

Oggi, dove c'erano quei campi, hanno costruito le case, ma questi riti si fanno ancora in alcuni paesi della Brianza.

Andare nei campi all'alba per noi bambini era una festa, perché sentivi il profumo dell'erba con la rugiada e gli uccelli cantare annunciando un nuovo giorno, mentre il Sacerdote, con tanto di piviale, benediceva e pregava. Poi si ritornava nella chiesa parrocchiale e il parroco celebrava la messa, e poi a scuola nelle classi elementari.

Tra qualche anno, le rogazioni resteranno solo un ricordo nella memoria degli anziani.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

18 Agosto 1807 viene inaugurata l'Arena Civica di Milano

Social

newTwitter newYouTube newFB