Lecco, 07 novembre 2017   |  

L'onorevole Fiano a Lecco per il convegno "Il fascismo non è un'opinione: è un crimine"

Comune, Provincia e Anpi: primo momento di approfondimento e confronto sugli strumenti legislativi esistenti contro l’apologia del fascismo

fiano onorevole

Il Comune di Lecco, città insignita della medaglia d’argento alla Resistenza, la Provincia di Lecco e l’ANPI provinciale di Lecco promuovono il convegno “Il fascismo non è un’opinione: è un crimine” che si terrà sabato 18 novembre dalle 9.30 alle 12.30 presso la sala Don Ticozzi in via Ongania 4 a Lecco.

Durante la mattinata, accompagnata da letture di brani di carcerati e condannati a morte in epoca fascista, ci sarà la possibilità di dialogare con Emanuele Fiano, deputato PD proponente della legge sul reato di propaganda del regime fascista e nazifascista.

Si alterneranno inoltre Valerio Strinati, redattore di “Patria indipendente” e Luigi “Gigio” Rancilio, giornalista di Avvenire.

“La volontà di organizzare questo appuntamento - spiegano gli organizzatori - nasce dall’obiettivo congiunto di Comune, Provincia e ANPI di frenare quei pericolosi fenomeni di apologia, frutto di vuoto di conoscenza, che comportano una tragica sospensione della memoria civile e delle reali responsabilità storiche del fascismo. Fenomeno che oggi si ripresenta in modo preoccupante a livello italiano ed europeo. E’ con questo spirito che invitiamo i partiti, i sindacati, gli studenti, le forze sociali del volontariato e tutti coloro che si riconoscono nei valori della nostra Costituzione, a questo primo momento di approfondimento e confronto sugli strumenti legislativi esistenti contro l’apologia del fascismo, che oggi torna con nuove forme e modalità di espressione. Fermamente convinti che, come ci ricorda Giacomo Matteotti, “il fascismo non è un’opinione, ma un crimine””.

 

download pdf Il programma del convegno

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newTwitter newYouTube newFB