Lecco, 29 giugno 2018   |  

L'on. Bologna (M5S) si presenta ai lecchesi: porterò a Roma le istanze del territorio

di Stefano Scaccabarozzi

Residente a Mapello, già medico all'ospedale Manzoni, è stata eletta in Parlamento nella nostra circoscrizione.

34139977 239752040129199 3738741289974235136 n

Inizia oggi da Lecco il percorso di incontri Itineranti promossi dalla parlamentare del Movimento 5 Stelle Fabiola Bologna, Medico Neurologo appartenente alla Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati ed eletta nella nostra circoscrizione.

Una tappa che ha visto l'onorevole Bologna far visita alla Gilardoni Raggi X, incontrare Artigiani e Industriali, andare in visita al servizio Cesea del Comune di Lecco e incontrare in serata i cittadini in un incontro pubblico. La incontriamo accompagnata da Costantino Anghileri, candidato pentastellato nel collegio di Lecco per la Camera dei Deputati alle recenti elezioni politiche.

Come si presenterà ai lecchesi?
Vorrei farmi conoscere perché la campagna elettorale è stata incalzante e non ci sono stati molti momenti per presentarmi. Io sono bergamasca, vivo a Mapello, attualmente sono Neurologa presso l'ospedale di Bergamo, ma ho lavorato e vissuto per alcuni anni anche a Lecco. Conosco bene il territorio, Lecco è una città che ho lasciato con nostalgia, ci ho lasciato un pezzo di cuore in quanto amo molto il lago. Ho studiato alla Cattolica e quindi sono di formazione cattolica, un'anima che insieme a Costantino Anghileri portiamo avanti nel Movimento 5 Stelle.

Il primo messaggio che rivolgerà ai lecchesi?
I punti del contratto di governo declinati sulle esigenze del territorio. Il primo punto che affronterò sarà l'ambiente, con particolare attenzione al cementificio di Calusco e all'inceneritore di Valmadrera che riteniamo si debba chiudere o rivalutare, cioè trasformare in un'ottica di green economy. Scelte alternative con cui mantenere e conquistare ulteriori posti di lavoro. Vogliamo sederci al tavolo per ragionare per il bene dei cittadini, dell'ambiente e quindi della loro salute.

Sulla sanità cosa proponete?
Noi del Movimento 5 Stelle siamo per una sanità pubblica in cui il privato faccia da supporto, ma con il pubblico a fare da regista. Qui in Lombardia c'è invece la tendenza a sviluppare molto il privato, con gli scandali avuti negli ultimi mesi. Nella chirurgia soprattutto servono opportuni controlli, perché il privato è comunque sempre profit.

Sulle grandi opere del territorio invece che posizione avete?
Vogliamo rimetterci al tavolo e rivalutare quelle che sono a beneficio della popolazione e quelle invece che ci fanno sprecare soldi. Inutile ora perderci in polemiche sull'essere pro o contro, vanno analizzati costi e benefici. Sicuramente siamo a favore di un servizio ferroviario che funzioni, un nodo fondamentale per la città di Lecco: per i pendolari che vanno a Milano o i ragazzi che vengono qui a studiare al Politecnico. Ogni giorno mi arrivano tantissime mail di lamentele. Dobbiamo puntare su quelle opere che sono importanti per i cittadini e che possiamo fare.

Oggi incontra anche artigiani e imprenditori, a settembre i commercianti. Cosa dirà?
Che la cosa più importante è semplificare. Gli imprenditori che ho incontrato non sono tanto interessati alla flat tax ma più alla sburocratizzazione. Vogliono che scompaiano tutte quelle carte che devono compilare e che sottraggono loro tempo in cui fare impresa. Lecco è una città adattissima per il turismo che quindi va valorizzato. Se la città ha intenzione di fare questo noi daremo il nostro supporto in ogni modo, ma gli stessi commercianti e imprenditori possono fare la loro parte per sostenere un settore che potrebbe dare lavoro a tanti giovani. Una rivoluzione turistica che aspettiamo tutti da anni.

Come rappresenterà il territorio?
Vogliamo diventare veri e proprio riferimenti per il territorio come invece altri non sono stati in grado di fare in passato. Questa è una delle ragione per cui stiamo organizzando questi tour che intendiamo portare avanti con costanza. L'unico modo di portare le esigenze dei cittadini a Roma è esserci: lo vogliamo fare con incontri periodici con i cittadini e con incontri specifici con associazioni di categoria, terzo settore e di chiunque voglia sottoporci altre istanze.

La Lega ha 4 parlamentari lecchesi, lavorerete insieme?
Noi difendiamo dei valori un pochino diversi, siamo uniti a loro dal contratto di governo. Sul territorio siamo due opportunità diverse. Su specifiche questioni locali, che fanno riferimento al contratto nazione, lavoreremo sicuramente insieme ai parlamentari della Lega.

Lei è in commissioni affari sociali.
I primi mesi sono stati intensi per capire il funzionamento della macchina, noi occupiamo di sanità e di terzo settore. Con la nostra commissione 5 stelle abbiamo subito cominciato a lavorare sulle priorità, soprattutto quelle legate all'aiuto delle persone anziane. Ora sono partiti anche i lavori veri e propri della commissione.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Dicembre 1860 la Camera dei Deputati del Regno di Sardegna viene sciolta per consentire l'elezione del primo Parlamento italiano.

Social

newTwitter newYouTube newFB