Lecco, 20 luglio 2018   |  

Living Land: la grande festa per i 400 ragazzi del progetto

Si sono cimentati in attività di riqualifica di beni pubblici, di cura della terra, di valorizzazione turistica e culturale del territorio

oratorio lecco living

#Sognandoacolori. Mai come in questa quarta edizione lo slogan dell’estate di Living Land ha trovato la sua più concreta espressione nella grande festa andata in scena nella sera di giovedì 19 presso l’Oratorio San Luigi di Lecco, per celebrare i 400 ragazzi, che hanno partecipato alle esperienze estive – edizione 2018.

I ragazzi tra i 15 e i 19 anni, che si sono cimentati in attività di riqualifica di beni pubblici, di cura della terra, di valorizzazione turistica e culturale del territorio, sono stati i protagonisti della serata. Dopo la presentazione di Marco Faggiano e Simona Panzeri -due dei coordinatori di Living Land- che hanno ringraziato i ragazzi, i Comuni, gli enti e tutti i partner che hanno contribuito alla buona riuscita delle attività, si è tenuta la cerimonia di consegna dei buoni acquisto ai ragazzi, come simbolico riconoscimento per l’impegno dimostrato rendendosi utili per la comunità e il proprio territorio. La serata è proseguita poi con una festa in stile holy party proprio a suggellare il tema scelto per l’edizione 2018 del progetto.

Sono l’entusiasmo, la motivazione e l’operosità di questi giovani la tangibile conferma di quanto Living Land abbia dato un’opportunità di vivere un’estate diversa, sognando a colori.
Tante le attività proposte dal 2015, sempre con un obiettivo comune a fare da filo conduttore: offrire ai ragazzi degli spazi dove misurarsi con se stessi, confrontarsi con gli altri e lavorare in gruppo, dando un primo sguardo al mondo del lavoro in un contesto protetto, sotto la guida di operatori esperti. Nella “palestra” di Living Land i ragazzi imparano facendo, imparano dagli errori e dal confronto con gli altri, costruendo passo dopo passo la propria identità, spronati a mettere in gioco creatività, passione e senso civico.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Ottobre 1956 migliaia di dimostranti ungheresi protestano contro le influenze e l'occupazione sovietica della loro nazione (la Rivoluzione ungherese verrà stroncata il 4 Novembre)

Social

newTwitter newYouTube newFB