Lecco, 20 febbraio 2018   |  

"L'informagiovani di Lecco. Una bella realtà a misura di giovani"

La lettera: "Si restituisce una realtà composta dalle voci dei ragazzi, dai loro racconti, dal loro aver voglia e saper fare".

luca pedrazzoli2

Luca Pedrazzoli dell'Informagiovani

Cara Redazione

E’ probabile che sia una cosa risaputa. Un dato acquisito, un bel risultato ormai consolidato, comunque vale la pena riaffermarlo o farlo sapere per chi non lo sapesse ancora.

Il Servizio dell’Informagiovani di Lecco, i suoi responsabili (Luca Pedrazzoli in testa) e le altre persone che nei vari ruoli operano e coordinano, sono davvero una bella realtà civica per Lecco.

Ho avuto diverse opportunità di conferma. Per curiosità personale, per servizi verso i miei figli e attività informative scolastiche e ludiche.

E’ bello trovare oltre la competenza anche un bello sguardo sul futuro, empatia e interazione. Penso al laboratorio Aperto, ai Progetti musicali, a Piazza l’Idea per sostenere idee giovanili, penso alla consulenza sullo studio all’estero, ai convegni e diverso altro ancora.

Mi è parsa una realtà capace del quotidiano e di restituirci anche il lungo periodo.

Lì dentro non solo i giovani trovano risposte alle loro necessità, inquietudini, problematiche, richieste, potenzialità, perché gli addetti sono capaci e hanno imparato a parlare con loro nel linguaggio che essi comprendono.

Li dentro in più quei ragazzi lì, quella massa di ascoltatori di musica in streaming a cui altri, troppi, sono interessati a misurare l’esatto gradiente del loro menefreghismo, l’Informagiovani compie un gesto rivoluzionario. Di cui noi, adulti, noi "vecchi" dovremmo prestare ascolto

Chiede a loro cosa dovremmo sapere del loro mondo, delle loro passioni, dei loro linguaggi e di come stanno rimodulando il nostro mondo, le nostre passioni e i nostri linguaggi.

Una capacità che afferma una volontà di dialogo che troppi adulti, io per primo, non sanno recepire, smaniosi di imporre la loro visione del mondo e di dar consigli senza dialogare.

All’informagiovani è evidente come invece si restituisce una realtà composta dalle voci dei ragazzi, dai loro racconti, dal loro aver voglia e saper fare.

Dopo tante parole sui ragazzi di oggi, finalmente uno spazio e un Servizio capace di ascoltare, di essere al fianco di una generazione che è molto osservata ma, forse, molto poco capita.

Una generazione complessa e sorprendente: che ha anche paura, ma non molla, che sogna senza perdere di vista la realtà. Ed è stanca di sentirsi giudicata.

LETTERA FIRMATA

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

18 Luglio 1866  vittoria italiana nella battaglia di Pieve di Ledro durante la Terza guerra di indipendenza italiana

Social

newTwitter newYouTube newFB