Lecco, 07 novembre 2019   |  

Liliana Segre e i 20 giorni a Ballabio in fuga dai nazifascisti

di Stefano Scaccabarozzi

Alberto Anghileri propone che anche Lecco conferisca alla Senatrice la cittadinanza onoraria come fatto da Varese.

26447

Liliana Segre e il presidente Sergio Mattarella in visita al Memoriale della Shoah.

Il 4 novembre il consiglio comunale di Varese ha conferito la cittadinanza onoraria, con voto unanime, alla senatrice a vita Liliana Segre. Respinta alla frontiera di Arzo, nel dicembre 1943, la Segre fu consegnata prima alla Guardia di finanza e poi ai tedeschi, per essere trasferita nel carcere varesino dei Miogni.  Da qui, a 13 anni di età, cominciò il suo tragico viaggio verso il campo di sterminio di Auschwitz.

Ora anche la città di Lecco potrebbe prendere analoga iniziativa. A proporlo è Alberto Anghileri, consigliere comunale per la lista “Con la Sinistra cambia Lecco”: «Vuole essere un gesto simbolico: – spiega Anghileri – di fronte a una persona che è stata deportata ad Auschwitz e che oggi riceve 200 insulti al giorno sui social, non si può stare in silenzio. Perché la maggior parte degli italiani la pensa come la senatrice Segre e la ringrazia per quello che ha subito e per la testimonianza che dà. Sostenere o non sostenere questa proposta è una scelta di campo, tra chi pensa che ricordare questi valori sia importante e chi pensa che siano fatti da dimenticare».

alberto anghileri sinistra

Alberto Anghileri

Vi è inoltre un legame diretto tra la senatrice Segre e il lecchese. Nelle settimane tra l'Armistizio e la deportazione nel campo di concetramento di Auschwitz, Liliana Segre ha trovato riparo a Ballabio per una ventina di giorni, nel tentativo di nascondersi dai nazi-fascisti.

Siamo nel 1943, Liliana Segre ha 13 anni, in tasca documenti falsi con il nome di Liliana Cherubini. Viene affidata dal padre Alberto alla famiglia Pozzi, sfollata proprio a Ballabio.

«Furono di una gentilezza disarmante. – ha ricordato in uno dei suoi libri la senatrice Segre – In quel modo stavano rischiando la vita perché i nazisti fucilavano chiunque offrisse rifugio agli ebrei».

In una delle sere in cui papà Alberto andò a trovare Liliana a Ballabio, i tedeschi fecero un rastrellamento in cerca di partigiani. Tutti gli uomini furono portati via per la verifica delle generalità, ma il soldato tedesco non capì che Segre era un cognome ebraico e anche grazie alla tessera della protezione animali che portava sempre nel portafoglio, Alberto fu scambiato per un veterinario. «Fu una specie di miracolo che ancora non mi spiego», racconterà la senatrice Segre.

Pochi giorni dopo, Liliana Segre lascia Ballabio per riparare a Castellanza da dove, nel dicembre 1943, padre e figlia proveranno a passare il confine venendo arrestati e poi deportati nel campo di concentramento di Auschwitz.

Diego Riva Fiom Lecco

Diego Riva, Cgil Lecco

A sostenere la proposta di Anghileri c'è la Segreteria della Cgil di Lecco: "Quello che è accaduto e sta accadendo a Liliana Segre non è assolutamente accettabile. In questo periodo di forte difficoltà politica e di rappresentanza generale del Paese è necessario che tutti dicano con chiarezza da che parte stare.La Cgil Lecco condivide quanto sta emergendo in questi giorni in merito alla proposta di assegnare la cittadinanza onoraria lecchese alla Senatrice a vita, che ricordiamo è sopravvissuta all’orrore di Auschwitz e ha perso i suoi familiari nel campo di concentramento quando era solo una bambina".

"Il motivo è semplice: condividiamo totalmente le battaglie di Liliana Segre, così come i suoi valori, che sono anche i nostri. Valori che sono le fondamenta sulla quale poggia l’ossatura statutaria della nostra organizzazione. Sarebbe un'importante risposta del territorio a tutte quelle azioni e provocazioni che ci fanno tornare indietro nel tempo e noi non dobbiamo assolutamente acconsentirlo".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Novembre 2005  Angela Merkel è il nuovo cancelliere della Repubblica Federale Tedesca, prima donna a ricoprire questa carica in Germania

Social

newTwitter newYouTube newFB