Lecco, 11 gennaio 2018   |  

Liberi e Uguali chiude a Gori, Tino Magni: avanti con nostro candidato

Il coordinatore lombardo di Sinistra italiana: avere un nostro candidato è stata sempre la scelta prevalente

CroppedImage720439-tino-magni-logo-cgil

"Il nostro pensiero è lo stesso di ieri e dell'altro ieri: domani voteremo un nostro candidato": è quanto ha detto all'ANSA il coordinatore lombardo di Sinistra italiana Tino Magni che ha escluso che l'assemblea di Liberi e Uguali-Lombardia convocata domani a Cinisello Balsamo (Milano) possa decidere di appoggiare il candidato governatore alla Regione del Pd Giorgio Gori.

"Non mi aspetto e non ci sarà nessun cambio di linea - ha aggiunto Magni - anche perché ci siamo arrivati discutendo tra noi e facendo tutti i passaggi necessari in modo collettivo. Rispetto le decisioni del Lazio, dovranno rispettare le decisioni della Lombardia. Non possono essere fattori esterni a decidere e non serve drammatizzare una discussione che in realtà non c'è mai stata, perché avere un nostro candidato è stata sempre la scelta prevalente e più diffusa dentro a Liberi e Uguali".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Settembre 1499 con il trattato di Basilea la vecchia Confederazione, che ha dato origine alla Svizzera, diventa uno stato indipendente.

Social

newTwitter newYouTube newFB