Lecco, 26 marzo 2020   |  

L'export lecchese frenava già a fine 2019

Resi noti dalla Camera di Commercio i dati definitivi dello scorso anno.

Export Import

Nel 2019 il territorio lariano ha esportato merci per 10,2 miliardi di Euro (-3% rispetto al 2018, contro il +2,3% nazionale; la variazione percentuale dell’export lombardo è pressoché nulla, pur a fronte di una riduzione in termini assoluti di 52,6 milioni di Euro). Le importazioni sono ammontate a circa 5,6 miliardi di Euro (-7,2%; Lombardia -0,4%; Italia -0,7%). Il saldo della bilancia commerciale continua ad essere positivo ed è in aumento: nel 2019 ha toccato quota 4,6 miliardi di Euro (+2,8%). Il saldo della nostra regione rimane negativo (-7,3 miliardi di Euro, in peggioramento del 6,6% rispetto al 2018), mentre il surplus italiano è stato superiore ai 39 miliardi di Euro (+34,8%).

A Como sia le importazioni che le esportazioni evidenziano cali superiori ai due punti percentuali (rispettivamente -2,7% e -2,5%); da segnalare il significativo calo dell’import della provincia di Lecco (-12,5%), il più elevato in tutta la Lombardia; l’export diminuisce del 3,4%. Pertanto, migliora notevolmente il saldo della bilancia commerciale lecchese (+11,2%), contro il -2,8% di Como.

A livello regionale, la provincia che ha visto crescere maggiormente il proprio export è Pavia (+12,5%), seguita da Milano e Cremona (rispettivamente +4,4% e +0,6%). Como si posiziona all’8° posto e Lecco al 9°; la graduatoria lombarda è chiusa da Monza e Varese (rispettivamente -4% e -7,9%).

Per quanto concerne la variazione delle importazioni, solo Varese, Pavia e Milano registrano un segno più (rispettivamente +4,3%, +2,3% e +1,9%). Como si posiziona al 6° posto e Lecco chiude la graduatoria regionale

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

10 Aprile 1991 fuori dal porto di Livorno un traghetto italiano, il Moby Prince, si scontra con una petroliera provocando 140 morti

Social

newTwitter newYouTube newFB