Lecco, 20 marzo 2019   |  

L'ex campione di canottaggio Matteo Amigoni abbraccia il triathlone e la 3Life

Altro volto nuovo è Massimo Brini, classe '81 di professione area manager, neofita del triathlon dopo 15 anni di arrampicata sportiva e alpinismo.

Amigoni Canottaggio

Proseguono gli innesti di nuovi atleti in casa 3Life e tra gli ultimi arrivati c'è un personaggio di grande spicco nel mondo sportivo lecchese. Stiamo parlando di Matteo Amigoni, un nome che agli appassionati di canottaggio rievocherà sicuramente piacevoli ricordi. Nato a Lecco nel giugno del 1986, Matteo è un ingegnere meccanico salito alla ribalta delle cronache sportive per le sue imprese in acqua soprattutto nel 2007 e nel 2008, vincendo il titolo di Campione del Mondo Under 23 a Strathclyde (Scozia) e centrando l'argento un anno dopo nella stessa manifestazione a Brandeburgh, in Germania. Oltre alle gioie internazionali, Matteo può vantare nel suo palmares anche cinque titoli italiani, 7 medaglie d'argento e altrettante di bronzo.

Chiusa la carriera nel canottaggio, Amigoni ha ottenuto ottimi risultato anche nella corsa e nel ciclismo, come il sesto posto nella Polar Half Marathon del 2015, anno in cui ha centrato anche la settima posizione nella Polar Circle Marathon. Oltre a ciò ha portato a termine nel 2017 la Marathon Des Sables. Sulle due ruote, tra le sue imprese, la Maratona delle Dolomiti nel 2014, mentre a livello di alpinismo ha raggiunto nel 2018 la vetta del Kilimangiaro, a quota 5895 metri di altezza. Insomma, nel curriculum di uno sportivo di questo livello non poteva mancare il triathlon e con la 3Life non poteva fare scelta migliore: «Non ho mai praticato questo sport, ma punto a concludere il mio primo Ironman a luglio e a seguire la Capadocia Salomon Ultra-trail di 120 chilometri. - Racconta Matteo - Ho scelto la 3Life perché spesso incontro gli atleti durante gli allenamenti sulle strade, sia in tenuta running che da ciclismo, e ho sempre avuto una bella impressione dello spirito sportivo e di gruppo che questa squadra rappresenta. In secondo luogo da atleta Lecchese non potevo affidarmi a una squadra non del territorio e infine conosco gli ottimi conquistati da atleti di questa squadre che, seppur per me irraggiungibili, spero possano essermi di stimolo e di aiuto».

Altro volto nuovo è Massimo Brini, classe '81 di professione area manager, neofita del triathlon dopo 15 anni di arrampicata sportiva e alpinismo. «Vorrei usare il 2019 per i primi approcci a qualche gara e fare un po' di esperienza. - Spiega Massimo - Intendo avvicinarmi in modo semplice al mondo del triathlon, per la curiosità di provare con l’obiettivo di divertirmi facendo sport. Con la giusta dose di impegno ma senza farmi troppe menate con prestazioni e numeri, anche se so già che non ci riuscirò. Poi quest'estate spero di riuscire a fare qualche triathlon sprint salvando la dignità!».

Completa il quadro maschile dei nuovi innesti Marco Castelli, lecchese nato nel 1983 esperto di corsa in montagna, specialità in cui ha difeso i colori del Gruppo Escursionisti Falchi Olginatesi nelle ultime stagioni. In campo femminile vestirà i colori 3Life Giulia Parodi, classe '89, diventata quest'anno tecnico Fitri della nostra squadra e reduce dall'esperienza come atleta nel Torino Triathlon.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Aprile 2008 a San Giovanni Rotondo (Foggia), la salma di san Pio da Pietrelcina viene esposta alla venerazione dei fedeli.

Social

newTwitter newYouTube newFB