Lecco, 22 ottobre 2018   |  

Lettura interpretativa de “I Venticinque Lettori" sul tema Violenza e sopraffazione

Lettura nell'ambito della manifestazione Lecco città dei Promessi Sposi.

dacco e scotti

Nella giornata di ieri, domenica 21 ottobre all'N.H. Hotel di Lecco, i "Venticinque Lettori - Gruppo di cultura manzoniano" ha tenuto, nell'ambito della manifestazione Lecco città dei Promessi Sposi, la prima di una serie di letture interpretative di brani de I promessi sposi, con la regia del regista romano Filippo Soldi.

Quella presentata ieri per la prima volta non voleva certo essere una lettura integrale del romanzo, ma una selezione di brani strettamente legati tra loro da un riflessione sull’idea base che lo anima: l’ eterna storia degli oppressori - i don Rodrigo, gli Azzeccagarbugli, i conti zio - che usano il potere della violenza e della burocrazia per opprimere e sopraffare gli umili oppressi di ogni tempo - i Renzo, le Lucie , il popolo lombardo . L’unica risposta a questa eterna vicenda, fa dire Manzoni a padre Cristoforo ai due fidanzati lecchesi, è questa: “ricordatevi di perdonare sempre, tutto, tutto“.

“Venticinque Lettori“ è un gruppo di persone di diversa formazione e provenienza, unite dall’amore per Manzoni, che da 3 anni conduce seminari di approfondimento e promuove momenti di pubblica lettura e di riflessione sull’opera manzoniana.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Gennaio 1506 arriva a Roma il primo contingente di Guardie Svizzere composto da 150 uomini

Social

newTwitter newYouTube newFB