Lecco, 15 aprile 2019   |  

Lettere di condannati a morte della Resistenza italiana

A Rancio mercoledì 24 aprile alle ore 21 per ricordare la Liberazione dai nazifascisti.

Schermata 2019 04 15 alle 09.29.44

Mercoledì 24 aprile alle ore 21 sarà proposta a Rancio di Lecco la lettura di 13 lettere di condannati a morte della Resistenza italiana tratte dal libro pubblicato da Einaudi nel 1950 e da allora continuamente ristampato. Ci sembra una maniera bella per ricordare la Liberazione dai nazifascisti che festeggiamo il 25 aprile di ogni anno.

Perché a Rancio e perche al Circolo Libero pensiero? Rancio è il quartiere di Lecco che ha pagato in termini di martirio il prezzo più alto nella lotta di Liberazione.

Otto partigiani ammazzati:

· Angelo Bonaiti 23 anni morto sul San Martino il 9-novembre-1943

· Annibale Molinari 43 anni morto a Gusen il 6-giugno-1944

· Giuseppe Mazzucotelli 48 anni morto a Gusen 1°-gennaio-1943

· Carlo Bonacina 24 anni morto a Fiumelatte l’8 gennaio 1945

· Giuseppe Maggi 21 anni morto a Fiumelatte l’8 gennaio 1945

· Virgilio Panzeri 21 anni morto a Fiumelatte l’8 gennaio 1945

· Carmine Berera 18 anni morto a Gusen il 4 marzo 1945

· Giuseppe Piazza 38 anni morto a Gusen il 18 marzo 1945

Il Circolo Libero pensiero fu costruito nel 1950 “dai lavoratori per i lavoratori” e da allora è sempre stato fedele a quei principi di solidarietà, di libertà e progresso sociale per i quali molti rancesi hanno lottato durante la Resistenza e poi, negli anni successivi, nel Sindacato e nei partiti di sinistra.

A leggere le lettere saranno cittadini di tutte le estrazioni sociali, legati a Rancio e al Circolo Libero Pensiero.

Il Sindaco di Lecco Virginio Brivio leggerà la lettera di don Giovanni Ticozzi spedita dal carcere di San Vittore il 6 gennaio 1945

Accompagnerà la lettura la musica della fisarmonica di Luca Pedeferri.

L’iniziativa è promossa dal Circolo Libero Pensiero di Rancio, dall’ANPI Comitato provinciale di Lecco con il patrocinio del Comune di Lecco.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Aprile 1956 seduta inaugurale della Corte costituzionale italiana

Social

newTwitter newYouTube newFB