Barzio, 13 maggio 2019   |  

Lesson of Love di Chiara Campara: i panorami lecchesi al festival di Venezia

Premiato con un a"borsa di studio" dai selezionatori della Biennal College del Festival.

IMG 7640

 Chiara Campara, giovane regista già conosciuta nel territorio per aver realizzato con il mandellese Lorenzo Faggi il docufilm su raduno di Wikipedia ad Esino Lario, avrà anche il merito di portare il nostro territorio, attraverso il suo film "Lesson of Love" al prossimo festival del cinema di Venezia. Infatti, il soggetto e la sceneggiatura del film, scritto a quattro mani con Lorenzo Faggi è stato premiato con una significativa "borsa di studio" dai selezionatori della Biennal College del Festival. Sezione in cui in settembre potremo assistere al lavoro finito.

Tutto è iniziato in gennaio, alla vigilia dell'Epifania, quando, grazie alla disponibilità della Comunità Montana valsassina e all'appoggio della Lecco Film Commission, la produzione romana "Ang Film" a cui si sono appoggiati regista e sceneggiatore ha messo in subbuglio il territorio organizzando un casting.

I protagonisti principali invece sono tutti attori professionisti che hanno alle spalle diverse prove importanti. Leonardo Lidi, Giancarlo Previati, Giovanni De Giorgi e Alice Torriani. Un ritorno di questa giovane attrice in quanto fra i personaggi di spicco della Grande Famiglia, con parecchie scene girate a Lecco. Alice Torriani è stata anche una delle protagoniste della fiction "Il paradiso delle Signore".

Mancano ancora alcune scene da girare sugli alpeggi della valle. Che verranno realizzate a giugno, poi il film verrà montato, sonorizzato e pronto per essere spedito al Lido di Venezia.

Soddisfazione della regista Chiara Campara per quanto fatto fino ad ora, per la disponibilità dimostrata dai Comuni. Il film gode del patrocinio, oltre che della Comuità Montana, dei comuni di Morterone, Pasturo, Introbio e Barzio.

Anche Egidio Magni e Paolo Cagnotto della Lecco Film Commisison sono soddisfatti per l'ennesimo film girato nel territorio che promuoverà non poco la provincia di Lecco e la Valsassina in particolare, dove anche una mucca e il mondo agricolo saranno tra i protagonisti della pellicola.

Damiano Ticconi e Tancredi Campello, i produttori della Ang Film, da parte loro ringraziano per la disponibilità anche gli altri comuni sul cui territorio sono statue girate parecchie scene: Milano, Monza, Desio, Seregno, Briosco, Lecco, Erve, Colorina, Esino Lario, in valle invece: Pasturo, Barzio, Taceno, Introbio, Cortabbio e, prossimante Morterone. Ospitalità al Cristallo di Barzio e al Grigna di Pasturo.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Maggio 1986 la Comunità Europea adotta la bandiera europea

Social

newTwitter newYouTube newFB