Lecco, 05 maggio 2019   |  

Le vie di Rancio si colorano con la PrimaVera Festa

di Giancarlo Airoldi

Sabato e domenica i cortili, i vicoli e i luoghi storici del rione lecchese si sono animati grazie a un ricco programma di eventi.

RANCIOINFIORE 032

Due giorni di iniziative nel rione lecchese di Rancio grazie alla 14esima edizione della PrimaVera Festa. Sabato e domenica i cortili, i vicoli e i luoghi storici del rione lecchese si sono animati grazie a un ricco programma di eventi.

A inaugurare la manifestazione è stato l’evento culturale a cura Liceo Leopardi “Leo Lab | 500 anni nel di-segno di Leonardo”. Sempre dedicato a Leonardo anche l’appuntamento organizzato dalla delegazione lecchese del FAI, che nella splendida cornice chiesetta di San Carlo ha proposto la conferenza intitolata “Leonardo a chi? Vero, falso, forse… Fatti e misfatti della critica leonardesca” con relatore il prof. Umberto Calvi.

RANCIOINFIORE 002Al Circolo Libero Pensiero invece la mostra “Inchiostri e Pigmenti” a cura di Serena Luna Raggi e Raouf Gharbia e a seguire  “Giro-vagando”, proiezioni fotografiche a cura del fotoclub Libero Pensiero di Rancio. La serata al Circolo Libero Pensiero si è conclusa sulle note della danze tradizionali persiane.

Domenica nella parte alta di Rancio ha trovato posto una coloratissima esposizione di bancarelle. In scena “La magia del latte” per far vivere ai bambini l’esperienza della caseificazione; “Aperitivo itinerante in musica” offerto da Anticendio boschivo Alpini Monte Medale con il corpo musicale Giovanni Brivio; “Pagliacciando in festa”, animazione per bambini a cura dell'associazione Fiume di Vita.

RANCIOINFIORE 036Gran finale in musica con il concerto del coro Grigna nel Santuario di Santa Maria Gloriosa e lo spettacolo “Le Armonie degli elementi” con Alberto Bonacina e Francesco Augurio.

Novità dell’edizione 2019 della festa è stato il “Secretum Hortus” a cura di Officina Giuseppe Villa, che ha proposto il capitolo II del progetto “Siamo nati in salita”, declinato per l’occasione in “Siamo nati in un giardino in salita”. Lo speciale allestimento del creativo lecchese è stato ospitato in un piccolo giardino nascosto fra gli orti di Rancio Alto, arricchito dall’angolo relax “Wanderlust mani in viaggio” e da un bancone di erbe, infusi e pozioni.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Maggio 1986 la Comunità Europea adotta la bandiera europea

Social

newTwitter newYouTube newFB