Lecco, 19 febbraio 2018   |  

Le novità 2018 sulla detrazione per interventi di risparmio energetico

di a cura dello studio Qualitas Commercialisti Associati

Disposta la proroga al 31 dicembre 2018 della detrazione Irpef/Ires prevista per gli interventi di riqualificazione energetica

CroppedImage720439 fisco

L’articolo 1, comma 3, L. 205/2017 (legge di Bilancio 2018) ha disposto la proroga al 31 dicembre 2018 della detrazione Irpef/Ires prevista per gli interventi di riqualificazione energetica, modificando per alcune tipologie di interventi la misura della detrazione spettante, ampliando l’ambito degli interventi agevolabili e i soggetti beneficiari.

La detrazione quindi rimane confermata nella misura del 65% per la generalità degli interventi previsti, mentre è ridotta al 50% per le spese, sostenute dal 1° gennaio 2018, relative agli interventi di acquisto e posa in opera di:
finestre comprensive di infissi;
schermature solari;
impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, fino a un valore massimo della detrazione di 30.000 euro;

Sono previste invece aliquote diversificate per quanto riguarda la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale; in particolare per le spese sostenute dal 1° gennaio 2018 la detrazione spetta:
nella misura del 50% per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal Regolamento 811/2013/UE (detrazione massima pari ad euro 30.000 e limite di spesa pari ad euro 60.000);
nella misura del 65% per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione di efficienza almeno pari alla classe A di prodotto prevista dal regolamento delegato (UE) n. 811/2013 e contestuale installazione di sistemi di termoregolazione evoluti, appartenenti alle classi V, VI oppure VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02 (detrazione massima pari ad euro 30.000 e limite di spesa pari ad euro 46.153,85);
nella misura del 65% per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi, costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro (detrazione massima pari ad euro 30.000 e limite di spesa pari ad euro 46.153,85).

Sono esclusi invece dalla detrazione gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione con efficienza inferiore alla classe A di prodotto.

La norma, come modificata dalla legge di Bilancio 2018, prevede poi nuovi interventi sui quali è possibile beneficiare della detrazione del 65%:
per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti, per le spese sostenute dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, fino a un valore massimo della detrazione di 100.000 euro (limite di spesa pari ad euro 153.846). Per poter beneficiare della detrazione gli interventi in oggetto devono condurre a un risparmio di energia primaria (PES), come definito all’allegato III del D.M. 04.08.2011, pari almeno al 20%;
per le spese sostenute per l’acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

Ampliato anche l’ambito soggettivo di applicazione dell’agevolazione. Le detrazioni in esame sono infatti oggi usufruibili anche:
dagli Istituti autonomi per le case popolari, comunque denominati;
dagli enti aventi le stesse finalità sociali dei predetti istituti, istituiti nella forma di società che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di in house providing e che siano costituiti e operanti alla data del 31.12.2013, per interventi realizzati su immobili, di loro proprietà ovvero gestiti per conto dei comuni, adibiti ad edilizia residenziale pubblica;
dalle cooperative di abitazione a proprietà indivisa per interventi realizzati su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci.

La legge di Bilancio 2018 non ha invece sostanzialmente modificato la detrazione prevista per gli interventi su parti comuni condominiali, già riconosciuta dalla Finanziaria 2017 per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2021.

In particolare, il comma 2-quater D.L. 63/2013 prevede che per le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021:
la detrazione spetta nella misura del 70% nel caso in cui gli interventi interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo;
la medesima detrazione spetta nella misura del 75%, se gli interventi sono finalizzati a migliorare la prestazione energetica invernale ed estiva e se conseguono almeno la qualità media definita dalM. 26.06.2015.

Per tali interventi viene previsto un limite massimo di spesa non superiore ad euro 40.000 moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio; la sussistenza delle condizioni previste per poter beneficiare delle aliquote di detrazione potenziale al 70% e al 75% deve essere asseverata da professionisti abilitati mediante l’attestazione della prestazione energetica degli edifici di cui al D.M. 26.06.2015.

 

TIPOLOGIA DI INTERVENTO

 

DETRAZIONE

MASSIMA

 

LIMITE DI SPESA

Detrazione 55%

fino al 5/06/2013

LIMITE DI SPESA

Detrazione 65%

dal 06/06/2013

al 31/12/2017

LIMITE DI SPESA

Detrazione 50%/65%

Dal 01/01/2018

interventi di riqualificazione globale energetica di edifici esistenti

100.000

181.818,18

153.846,15

153.846,15

interventi sull’involucro degli edifici per la riduzione della trasmittanza termica

60.000

109.090,90

92.307,69

92.307,69

*(per l’acquisto e la posa in opera di finestre comprensive di infissi detrazione del 50% – spesa massima € 120.000)

installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda

60.000

109.090,90

92.307,69

92.307,69

sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di pompe di calore ad alta efficienza o con impianti geotermici

30.000

54.545,45

46.153,85

 

46.153,85

 

acquisto e posa in opera di schermature solari

 

60.000

 

92.307,69

(spese sostenute dal 01.01.2015 al 31.12.2017)

120.000 (detrazione 50%)

acquisto e posa in opera di generatori di aria calda a condensazione

30.000

 

 

46.153,85 (detrazione 65%)

acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili

 

30.000

 

46.153,84

(spese sostenute dal 01.01.2015 al 31.12.2017)

60.000

(detrazione 50%)

acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali

 

65% della spesa sostenuta

 

Non è previsto un massimale di spesa

(spese dal 01.01.2016 al 31.12.2017)

Non è previsto un massimale di spesa

(spese dal 01.01.2016 al 31.12.2018)

Acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti

100.000

 

 

153.846,15



Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Settembre 1499 con il trattato di Basilea la vecchia Confederazione, che ha dato origine alla Svizzera, diventa uno stato indipendente.

Social

newTwitter newYouTube newFB