Lecco, 02 febbraio 2018   |  

Le commemorazioni lecchesi per il Giorno del Ricordo

Le istituzioni promuovono un momento di confronto e riflessione.

Schermata 2018 02 02 alle 13.38.42

Sabato 10 febbraio si svolgerà la cerimonia commemorativa organizzata da Provincia di Lecco, Comune di Lecco e Prefettura di Lecco in occasione del Giorno del Ricordo, istituito con la Legge 92 del 30 marzo 2004 in memoria delle vittime delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata.

La cerimonia, organizzata in collaborazione con le associazioni Comitato 10 febbraio e Comunità lecchese esuli Giuliano-Dalmati, si terrà con il seguente programma:
ore 10.30 - Riva Martiri delle Foibe: Deposizione omaggio floreale
ore 11.00 - Sala Don Ticozzi, via Ongania 4, Lecco: Incontro pubblico di approfondimento storico-culturale

Relazione di Andrea Bienati, docente di storia e didattica della Shoah e dei crimini contro l’umanità - ISSR Milano

Comunità lecchese esuli Giuliano-Dalmati

Comitato 10 febbraio

“Insieme al Comune di Lecco e alla Prefettura di Lecco abbiamo voluto organizzare questo momento di riflessione sulla persecuzione e sull’esodo del popolo istriano-dalmata, una tragedia per troppo tempo dimenticata dalla storia e considerata a torto un episodio minore di una guerra che aveva vissuto drammi ben più gravi - commenta il Presidente della Provincia di Lecco Flavio Polano - Abbiamo la responsabilità di non dimenticare e il dovere di rinnovare il nostro impegno comune per la costruzione di una società più giusta, più unita e più solidale. Con questa cerimonia commemorativa vogliamo rinnovare un sentimento di vicinanza e solidarietà ai familiari delle vittime delle stragi compiute nelle foibe, insieme al ricordo delle popolazioni italiane costrette a scappare e ad abbandonare terra, casa, lavoro, amici e affetti, incalzati dalle bande armate jugoslave”.

“Questa iniziativa, che oltre le istituzioni vede la collaborazione del Comitato 10 Febbraio e della Comunità lecchese esuli Giuliano-Dalmati, ci permette di ricordare i drammatici fatti delle foibe e l’esodo della popolazione istriano-dalmata – aggiunge il sindaco di Lecco, Virginio Brivio - Un momento di riflessione e approfondimento che, anno dopo anno, non deve perdere valore, ma acquisire al contrario un significato profondo per noi e per le giovani generazioni che molto spesso non conoscono questa pagina di storia e sempre meno hanno la possibilità di ascoltare la voce e la testimonianza di chi ha vissuto questa tragica esperienza. Oggi più che mai è doveroso mantenere vivo il ricordo di chi è stato perseguitato e ucciso sull’onda dell’odio, del risentimento e della paura della diversità. Sentimenti che purtroppo ancora oggi tornano a farsi vedere in atteggiamenti più o meno latenti. Conoscere ciò che è avvenuto in passato, confrontarci e aprire le nostre menti senza pregiudizi imposti dalle rielaborazioni storiche è importante per continuare a costruire una comunità che non teme chi porta con sé storie, culture e credi diversi dalla nostra, ma che sa tendere una mano e accogliere chi è in difficoltà”.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Novembre 1877  Thomas Edison annuncia l'invenzione del fonografo, un apparecchio che può registrare suoni. Questa invenzione permetterà poi l'utilizzo di apparecchi per la riproduzione del suono.

Social

newTwitter newYouTube newFB