Lecco, 03 settembre 2020   |  
Cronaca   |  Chiesa

L'Arcivescovo ordina 23 nuovi sacerdoti

La cerimonia in Duomo sabato mattina 5 Settembre. Il Rettore del Seminario: «La diversità è la loro ricchezza»

DelpACroppedImage720439 image4 1

Mons. Mario Delpini in Duomo a MIlano durante un rito (foto archivio Resegoneonline)

Sabato 5 settembre, alle ore 9.00, in Duomo, l’Arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini, ordinerà al sacerdozio 22 seminaristi e un diacono nicaraguense che ha completato i suoi studi in Diocesi.

Alla Celebrazione solenne nella Cattedrale parteciperanno oltre ai familiari dei futuri presbiteri, gli amici, i fedeli delle parrocchie seppure in numero contingentato a causa delle misure di distanziamento sociale dovute all’emergenza sanitaria.

Tuttavia, chi non potrà essere presente fisicamente, avrà la possibilità di seguire la cerimonia da remoto grazie alla diretta trasmessa da Chiesa Tv (canale 195 del digitale terrestre), Radio Mater, www.chiesadimilano.it (sito e canale You Tube), Telepace.

I futuri preti della Diocesi di Milano provengono principalmente dalle Zone di Monza e di Lecco, hanno un’età compresa tra i 25 e i 38 anni e diversi percorsi di studio e lavorativi alle spalle. Marco della Corna, 34 anni, è stato un insegnante di matematica, prima di decidersi a “fare i conti con Dio”, come gli piace dire. Giacomo Trevisan, 34 anni, è stato uno studente di ingegneria aerospaziale.

«Le stelle mi avevano conquistato – spiega -. Anni belli e intensi, poi decisi di cambiare aria e feci l’Erasmus in Germania; pensavo di farmi le ossa, imparare una nuova lingua, scoprire l’ingegneria tedesca. In realtà stavo cercando qualcos’altro».

Simone Zappa, 25 anni, il più giovane della classe, è invece entrato in Seminario subito dopo la maturità scientifica. «La scintilla vera e propria è scattata durante una confessione, nel Natale 2012. Il prete dell’oratorio mi chiese se avevo mai pensato al sacerdozio. Dapprima fui un po’ spiazzato, poi compresi che quella domanda aveva intercettato una mia ricerca profonda».

«La diversità, sia nell’età, sia nei percorsi di vita è la ricchezza di questa classe che ha sempre testimoniato una grande vivacità intellettuale e spirituale all’interno della comunità del Seminario», dichiara il rettore del Seminario, mons. Michele Di Tolve.

Il motto scelto dai nuovi sacerdoti è un versetto tratto dal Vangelo di Giovanni: “Perché il mondo creda” (Gv 17,21).

Insieme ai seminaristi l’Arcivescovo ordinerà al sacerdozio anche un candidato proveniente dal Nicaragua, Esler Salatiel Miranda Cruz, che ha ricevuto l’ordinazione diaconale nel suo Paese di origine e vive in Italia da alcuni anni. Il neo sacerdote avrà una destinazione in diocesi non ancora formalizzata.

Nella storia della Chiesa ambrosiana, gli ordinati di quest’anno saranno ricordati come i primi candidati al presbiterio divenuti preti ai tempi del virus di Wuhan. La pandemia ha, del resto, condizionato la loro vita, a cominciare dal percorso di formazione in Seminario che hanno completato, durante il lockdown, da remoto, prima seguendo le lezioni dalle proprie stanze, essendo per ragioni di sicurezza interdette le aule, e poi dalle proprie case.

Le misure anti contagio hanno poi costretto lo stesso Arcivescovo a posticipare la data della loro ordinazione, precedentemente stabilita il 13 Giugno.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Settembre 1924 è inaugurato a Lainate il primo tratto dell'Autostrada dei laghi, da Milano a Varese, la prima autostrada realizzata al mondo.

Social

newTwitter newYouTube newFB