Milano, 15 agosto 2018   |  
Cronaca   |  Lombardia

Ladri d'appartamento: solo il 3 per cento è individuato

Riccardo De Corato, assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia, non ha dubbi: occorrono più agenti, ma soprattutto certezze di pene

adecoratodownload

Riccardo De Corato, assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia

La piaga dei furti nelle case dei lombardi viene ancora una volta evidenziata dai dati diffusi oggi dall'Unione europea delle cooperative (Uecoop) sulla sicurezza e il crimine in Italia, da cui ne risultano la bellezza di 500 ogni giorno. Sono numeri preoccupanti se si pensa che la Lombardia è la seconda regione più colpita dai topi di appartamento, con 20.7 furti ogni mille famiglie.

«Purtroppo, con il numero sempre maggiore di clandestini e rom dediti al crimine che si aggirano indisturbati per le nostre città», spiega Riccardo De Corato, ex vicesindaco di Milano e Assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia, «è comprensibile capire perché i lombardi si barrichino nelle proprie abitazioni e perché sulle spese per porte blindate e antifurti la Lombardia risulta essere al primo posto. Proprio per questo, i malviventi colpiscono maggiormente in queste settimane attorno a Ferragosto, sperando di trovare gli appartamenti incustoditi». Secondo una ricerca Transcrime, l'orario più a rischio è quello fra le 18 e le 21.

Naturalmente pene esemplari e non sentenze che permettono ai ladri di tornare subito in libertà aiuterebbero a frenare il fenomeno. «Ricordo inoltre che la nostra regione risulta essere, a quanto emerge da una elaborazione dei dati (Conto Economico del Tesoro) fatta da ConvenzionIstituzioni.it, all’ultimo posto nel rapporto tra popolazione residente e Forze dell’Ordine in servizio sul territorio: se ne conta 1 ogni 325 abitanti», commenta ancora De Corato.

Neppure conforta sapere che, secondo i dati diffusi dal Viminale, nel 97% dei casi i furti nelle case rimangono impuniti, motivo per il quale molte vittime di questo reato hanno anche smesso di denunciare.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

14 Novembre 2002 l'Argentina va in default su un pagamento di 805 milioni di dollari statunitensi alla Banca mondiale.

Social

newTwitter newYouTube newFB