Lecco, 04 ottobre 2018   |  

La Via di Francesco percorsa da due lecchesi

Protagonisti Claudio Santoro e Angelo Collotta, impegnati dal 25 settembre al 2 ottobre scorso.

P9290168

203 chilometri percorsi a piedi in otto tappe, zaino in spalla e con un dislivello complessivo di salita che supera abbondantemente i 5000 metri. E’ il bilancio del percorso della Via di Francesco coperto da Claudio Santoro e Angelo Collotta dal 25 settembre al 2 ottobre scorso.

I due non sono nuovi a questi tragitti, dato che in precedenza avevano percorso la Via degli Dei (Bologna/Firenze) e la Via degli Abati.

Questa volta è toccato alla Via di Francesco, una via sempre più apprezzata e battuta da pellegrini/viandanti italiani e di tutto il mondo che, partendo dal Santuario de La Verna (dove Francesco ricevette le stimmate), nel Casentino toscano, arriva sino ad Assisi, città del Poverello.

Un itinerario di pellegrinaggio che ne abbina anche uno escursionistico, tracciando zone di intensa bellezza in Toscana e in Umbria, quali Gubbio, Città di Castello e Sansepolcro che sono ricche di arte e cultura.

La morfologia del territorio ha impegnato i due viandanti, dato che è contraddistinta da continui saliscendi che seguono l’andamento tipicamente collinare del territorio attraversato, ma, in cambio, i due hanno potuto godere di un tempo favorevole (un solo giorno di pioggia).

L’arrivo ad Assisi, pronta per le celebrazioni del Santo Patrono d’Italia, è stato un momento di intensa emozione che ha saputo ripagare i due pellegrini dalle fatiche sostenute.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Dicembre 1964 dal poligono di Wallops Island, (in Virginia, Stati Uniti), viene lanciato il primo satellite italiano, il San Marco I

Social

newTwitter newYouTube newFB