Lecco, 12 maggio 2017   |  

La Questura indaga sul catalogo delle donne single di Lecco

Già diverse le querele presentate alle forze dell'ordine dalle persone inconsapevolmente citate.

questura

Dopo il clamore degli scorsi giorni e le ferme condanne giunte da più parti (a cui si aggiunge quella della nostra redazione), ora anche la Questura di Lecco ha avviato un'indagine sul "Catalogo donne single Lecco".

Si tratta di un prodotto venduto a 7 euro su internet che riporta i profili facebook di oltre 1200 donne (maggiorenni e minorenni, inconsapevoli di essere state citate) della nostra provincia che hanno indicato sul popolare social lo status sentimentale single.

In accordo con la Procura cittadina, la squadra mobile della Questura di Lecco ha condotto i primi accertamenti: tramite la tracciatura del flusso di denaro dal portale che ha messo in vendita il catalogo (www.lulu.com) e attraverso altri accertamenti informatici, è stato accertato che la pubblicazione fa capo alla società Lulu Press Inc. con sede negli Stati Uniti (Carolina del Nord).

Si tratta di una società fondata nel 2002 da Robert Young allo scopo di permettere agli autori di pubblicare le proprie opere direttamente senza incaricare un editore.

La Questura ha inoltre accertato che il soggetto dichiaratamente titolare del copyright del catalogo, la Orangita Books, corrisponde a un'associazione no profit di promozione sociale con lo scopo di promuovere la cultura, in particolare quella scientifica e tecnica. All'interno della stessa risulta avere un ruolo attivo un cittadino lecchese che è già stato identificato.

Nel corso della giornata di oggi alcune donne si sono recate in Questura per sporgere formale querela essendosi riconosciute nel catalogo. Ora i profili giuridici saranno valutati dalla autorità giudiziaria. Un analogo catalogo è stato creato anche per la Brianza.

Intanto l’Ufficio Consigliera di parità della provincia di Lecco invita tutte le donne coinvolte a prendere contatti per definire un’azione legale a tutela della propria dignità.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Ottobre 1879 Thomas Edison testa la prima lampadina funzionante in modo efficace (resterà accesa per 13 ore e mezza prima di bruciarsi)

Social

newTwitter newYouTube newFB