Lecco, 25 ottobre 2017   |  

La nuova economia: disoccupati, lavoratori senza stipendio e pensioni lontane

di Mario Stojanovic

"Serve un maggiore senso civile, serve mettere veramente in pratica il bene comune e dividere equamente il patrimonio economico".

protesta lavoratori

Negli ultimi anni abbiamo sentito parlare anche dai nostri governanti a livello nazionale di attenzioni per le fasce sociali più deboli, di bene comune e quant altro. Ma le notizie dei telegiornali di queste ultime settimane dimostrano il contrario. Non può che colpire la storia di quel pensionato che ha compiuto un estremo gesto nella casa devastata da terremoto due anni fa e che gli avevano promesso di sistemare.

Un sistema, quello in cui viviamo, fatto di promesse non mantenute, come se chi promette pensasse di avere a che fare con numeri o burattini, invece che con uomini. Impossibile non chiedersi chi difende questa gente che ha perso tutto? Soprattutto quando si spengono le luci delle telecamere.

Una mancanza di umanità che vediamo anche verso i lavoratori, sempre più sfruttati fino all'osso. Le conseguenze per i dipendenti possiamo vederle anche nelle aziende di Lecco e provincia dove ci sono lavoratori che non percepiscono lo stipendio, togliendo loro dignità.

Pochi giorni fa lo studio secondo cui i lavoratori italiani sono i più anziani di Europa, poco dopo è però scattato l'innalzamento dell'età pensionabile a 67 anni in conseguenza dal prolungarsi dell'aspettativa di vita. La conseguenza è che i giovani disoccupati aumentano e inoltre sono e saranno piu poveri.

È questo il senso di umanità, di rispetto e di coscienza di chi sta in regia? ormai la nostra società ha due scale: quella del potere e quella della sottomissione per la quotidiana sopravvivenza. Non è certo questa l'idea di Patria per cui i nostri padri e i nostri nonni hanno dato la vita.

Serve un maggiore senso civile, serve mettere veramente in pratica il bene comune e dividere equamente il patrimonio economico. Dobbiamo discernere ciò che è giustizia da ciò che sono gli interessi privati. Dall'inizio del mondo si dice: Il povero grida ma nessuno lo ascolta. Oggi, dopo secoli ciò è ancora attuale, anzi sembra una regola di vita.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Novembre 1889 il primo Juke box entra in funzione nel Palais Royale Saloon di San Francisco

Social

newTwitter newYouTube newFB