Olginate, 27 dicembre 2017   |  

La Natività sotto il ponte di Olginate con il ritorno di don Eugenio

di Mario Stojanovic

Suggestivo e originale il presepio allestito nella chiesa dedicata a Sant'Agnese.

WhatsApp Image 2017 12 27 at 10.02.25

Nella chiesa parrocchiale di Olginate Gesù bambino è nato sotto le arcate del ponte del paese. Infatti è questa l'originale ambientazione che è stata scelta: un ponte fatto costruire da Vittorio Emanuele III nel 1911 e poi abbattuto nel 1925 per un cedimento strutturale. Sugli stessi piloni portanti, due anni dopo venne edificato l'attuale manufatto.

La scena è stata completata dalla ricostruzione di un comballo, un barcone navigabile di quell'epoca adibito al trasporto di merci da e per milano lungo il fiume Adda e il Naviglio, sfruttando il traino di cavalli o buoi che percorrevano l'alzaia, anch'essa visibile nel presepe.

In queste ore inoltre grande gioia in paese: gli olginatesi pensavano di trascorrere il Natale senza il loro parroco, don Eugenio Folcio, sottoposto a un trapianto della cornea a causa di un incidente domestico.

Grande sorpresa invece il mattino di Natale, seppur con un occhio bendato don Eugenio ha celebrato per la gioia dei suoi parrocchiani la messa ed è tornato in mezzo a loro.

Questo il suo augura scritto ai fedeli: Non lasciamoci rubare lo stupore del Natale, riprendiamoci la nostra infanzia spirituale".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Gennaio 1982 i carabinieri Giuseppe Savastano ed Euro Tarsilli vengono assassinati da esponenti dei Comunisti Organizzati fermati per un controllo

Social

newTwitter newYouTube newFB