Lecco, 08 ottobre 2019   |  

La musica di Brahms risuona a Villa Gomes

Domenica 20 ottobre la lezione-concerto con esecuzione dal vivo del Quintetto con pianoforte

1910 antonio eros negri

Gli incontri culturali con la grande musica organizzati dal Civico Istituto Musicale “G. Zelioli” prendono avvio quest’anno con una serata dedicata alla musica di Johannes Brahms.

L’appuntamento è per domenica 20 ottobre alle 17.30 all’auditorium di Villa Gomes per l’esecuzione di uno dei capolavori della musica da camera dell’Ottocento: il Quintetto per pianoforte e archi in fa minore op. 34 di Johannes Brahms.

Opera dalla lunga gestazione, passata attraverso successive rielaborazioni per diversi organici prima di approdare alla versione definitiva per due violini, viola, violoncello e pianoforte, che fonde la calda espressività romantica dell’autore con modelli contrappuntistici ereditati dal Rinascimento e dal Barocco e con la tradizione classica.

La ricchezza musicale del Quintetto potrà essere apprezzata dai partecipanti anche grazie alle riflessioni introduttive che saranno proposte dal maestro Antonio Eros Negri, che ne ha approfondito la complessa struttura. Il brano sarà interpretato da Valeria Vecerina e Irene Lembo al violino, Gianmaria Bellisario alla viola, Emanuele Rigamonti al violoncello e Satomi Hotta al pianoforte.

"Vi invito a partecipare alla serata organizzata dalla scuola civica di musica - sottolinea l'assessore all'istruzione del Comune di Lecco Clara Fusi -, un evento realizzato nel'ambito degli appuntamenti a ingresso libero voluti dall'amministrazione comunale e a questo scopo previsti dall'accordo siglato con la Fondzione Clerici di Milano, che gestisce per conto del Comune di Lecco il Civico Istituto Musicale".

L’ingresso è libero. Per informazioni è possibile telefonare dalle 14 alle 18 al numero 0341 422782 o scrivere una mail all'indirizzo di posta elettronica info@civicalecco.org.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Ottobre 2003 a Roma, in piazza San Pietro viene beatificata Madre Teresa di Calcutta.

Social

newTwitter newYouTube newFB