Milano, 28 marzo 2017   |  

La Lombardia inoltra un pacchetto di richieste all'Unione Europea

Il Consiglio regionale approva a maggioranza, con astensione di Lega e Fratelli d'Italia, la risoluzione dedicata alle politiche europee messa a punto dalla apposita commissione.

IMG 1266

Anche il controllo del flusso dei migranti fra le richieste della Lombardia all'Europa

Milano e la Lombardia pronte ad accogliere l’Agenzia europea del farmaco (EMA) e le sedi dell’Autorità bancaria europea (EBA) e della Divisione della Corte europea dei brevetti. Sono tre tra le proposte più importanti contenute nella Risoluzione sul programma di lavoro della Commissione europea (relatore il Presidente della Commissione Bilancio Alessandro Colucci, Lombardia Popolare), documento che elenca le priorità d’azione per il territorio e individua spunti e raccomandazioni per rilanciare l’azione regionale in ambito europeo. Il documento è stato approvato con 43 voti favorevoli, 8 contrari, 4 astenuti e 21 i consiglieri che non hanno partecipato al voto.

«La Risoluzione» ha spiegato il relatore Alessandro Colucci «stigmatizza in modo chiaro le criticità che caratterizzano l’attuale contesto politico europeo, dall'inefficiente gestione dei flussi migratori, all'allarme terrorismo sino all'eccessiva rigidità della disciplina di bilancio, e individua quelle che sono per noi le soluzioni e le priorità di intervento. Nel provvedimento in particolare chiediamo la revisione della convenzione di Dublino, l'armonizzazione delle regole fiscali e del mercato del lavoro e un progetto di difesa dei confini con la nascita di un esercito europeo». «L'Europa» ha sottolineato il Presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo «va cambiata dall'interno e con questa risoluzione abbiamo messo in luce le priorità che interessano direttamente e concretamente la vita dei cittadini lombardi. Con questo lavoro, che ha anche riconosciuto i limiti e le criticità provocate da alcune politiche di Bruxelles, la Lombardia ha dimostrato di non voler rinunciare alla sfida del cambiamento, ma di impegnarsi su obiettivi reali sulla strada di dare più voce alle Regioni per ricostruire il filo di fiducia con i cittadini».

La Risoluzione è stata approvata con i voti di Forza Italia, PD, Lombardia Popolare, Patto Civico e SeL. Lega Nord e Fratelli d’Italia non hanno partecipato al voto, mentre Lista Maroni ha lasciato libertà di voto ai propri consiglieri. Gli otto voti contrari sono arrivati da Movimento 5 Stelle (7) e da Luca Ferrazzi (Lista Maroni).

Rispetto alla proposta uscita dalla Commissione Bilancio, l’Aula ha integrato il documento con la richiesta che in Ue si costituisca un fronte comune per rafforzare il Migration compact e gestire cosi la crisi dei rifugiati (PD, Enrico Brambilla), la facilitazione per l’accesso ai prestiti per le piccole medie imprese (M5S, Andrea Fiasconaro), la richiesta di modificare la direttiva Bolkestein per escludere dalla sua applicazione i posteggi utilizzati per commercio su aree pubbliche, le concessioni balneari e i chioschi (Lega e Fratelli d’Italia, Massimiliano Romeo e Riccardo De Corato), lo stop alle sanzioni contro la Russia (Lega e Fratelli d’Italia). Emendamenti sono stati approvati anche per promuovere gli ideali fondativi per rendere l’Unione europea una vera Unione sociale con diritti per i lavoratori, posti di lavoro e redditi sicuri (PD, Enrico Brambilla), il riconoscimento e la valorizzazione delle radici cristiane (Lega e Fratelli d’Italia, Massimiliano Romeo e Riccardo De Corato), una maggiore unità e solidarietà tra gli Stati per rendere l’UE più forte (Patto Civico, Daniela Mainini) e l’attivazione di politiche per aumentare l’occupazione femminile (M5S, Paola Macchi). Bocciati invece gli emendamenti di Lega e Fratelli d’Italia che individuavano nella “matrice islamica” il terrorismo internazionale e l’attuazione di politiche per creare un’alternativa all’Euro e gettare le basi per uscire dalla moneta unica.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Luglio 2004 per commemorare i 50 anni della conquista italiana del K2, nel Karakorum, un'altra spedizione italiana arriva sulla cima del K2, ad 8.611 metri, dopo 9 ore di salita. I quattro italiani sono Mario Dibona, Renato Sottsass, Marco Da Pozzo e Renzo Benedetti

Social

newTwitter newYouTube newFB