Lecco, 20 aprile 2017   |  

La Lega Nord contro l'aumento del tetto dell'accoglienza dei migranti

La quota assegnata dal Ministero alla nostra provincia si alza da 1.200 a 1.500

flavio nogara stop invasione

Flavio Nogara, segretario provinciale della Lega Nord, critica aspramente la decisione del Ministero di innalzare le quote di migranti ospitate da ogni provincia.

Nel lecchese da 1.200 a 1.500 richiedenti asilo: questo il nuovo limite stabilito dal Governo. Semplicemente una follia! Innanzitutto dal punto di vista territoriale e sociale si sta alimentando un processo assurdo, dove spendiamo per qualche anno soldi per mantenere vitto e alloggio a delle persone che appartengono ad una realtà e civiltà completamente differente dalla nostra, assolutamente non integrabili senza lavoro, ma di lavoro non ce n’è neppure per la nostra gente. Come prospettiva la gran parte di questi resterà sul territorio come irregolare in quanto riceveranno un pezzo di carta che rappresenterà il decreto di espulsione che non servirà assolutamente a nulla. Chi si accerta che non ha diritto di restare nel nostro paese non deve ricevere un pezzo di carta, ma dev’essere preso e accompagnato alla frontiera, con espulsione fisica immediata!

Nella nostra Provincia si spenderà per l’accoglienza, solo come costi diretti, ca. 20.000.000 di euro all’anno! Una vergogna se pensiamo che servirebbe molto meno per ricostruire il ponte di Annone e ripristinare quello di Isella…per non parlare di quanto servirebbero questi soldi per la Lecco Bergamo…e per non parlare dei nostri anziani con pensioni minime che non riescono a pagare l’affitto o pagare le bollette, giovani senza lavoro, disoccupati senza prospettive per la propria famiglia, imprenditori falliti sull’orlo del suicidio, e così via….ma sembra che l’unico interesse di questo governo, e dei sindaci che lo seguano, sia l’accoglienza e l’integrazione di questi richiedenti asilo…!

La Lega Nord non ne può più! La gente non ne può più! Questa situazione sta alimentando intolleranza!

A Lecco, come nei paesi più piccoli della nostra provincia, vogliamo vivere tranquilli e sereni, ne abbiamo il diritto. Non vogliamo vivere in realtà invase dagli immigrati, scoprendo dal TG che il vicino di casa si è arruolato nell’Isis, non abbiamo scelto noi di andare a vivere in Africa! Abbiamo scelto di vivere nel nostro territorio con le sue bellezze, la sua storia e la propria cultura e pretendiamo che chi decide di vivere da noi queste nostre ricchezze sia disposto a rispettarle.

Non è concepibile che Lecco non può vedere realizzata la nuova caserma dei Vigili del Fuoco perché l’area è occupata da 232 richiedenti asilo!!! Come non è concepibile che una Comunità Montana debba occuparsi di immigrazione al posto di occuparsi dei problemi della montagna!

I prossimi giorni riprenderanno i nostri incontri sul territorio organizzati dal Dipartimento immigrazione della Lega Nord insieme alla segreteria Provinciale di Lecco per spiegare “Le verità dell'immigazione". Il primo si terrà giovedi 27 aprile a Missaglia, ne seguirà un secondo a Sirtori venerdi 12 maggio, poi a Cremeno e altri ancora.

La Lega Nord non smetterà di lottare contro questo disegno del governo aberrante e siamo convinti che con Salvini al Governo la musica cambierà! Aspettiamo anche per questo le elezioni con ansia…

Il Segretario Provinciale di Lecco Lega Nord – Lega Lombarda
Flavio Nogara

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Ottobre 1945 viene ratificato dai Paesi firmatari lo Statuto delle Nazioni Unite dando così vita alle Nazioni Unite

Social

newTwitter newYouTube newFB