Lecco, 12 luglio 2018   |  

"La finale dei Mondiali di Calcio? I lecchesi tifano Croazia"

di Mario Stojanovic

A dimostrarlo un giro in centro città con la maglia bianco-rossa della nazionale slava.

WhatsApp Image 2018 07 12 at 19.30.10

Mario Mandzukic, uno dei giocatori più rappresentativi della Croazia

Anche a Lecco, sta crescendo l'attesa per la finale della Coppa del Mondo del Calcio in programma domenica. Nella mattinata di oggi, mi è bastato passeggiare per le vie del centro indossando la casacca a scacchi bianco-rossa della Croazia per capire chi i Lecchesi vorrebbero come campioni del mondo. Una decina di persone, vedendomi, mi hanno detto forza Croazia e mentre percorreva il lungolago, l'autista di un camion ha gridato bravi i Croati. La nazionale Croata di Luka Modric, Mario Mandzukic e Ivan Perisic e tutti gli altri sta dimostrando la propria professionalità, patriottismo e unione.

Lo Stato Croato conta solo 4 milioni di abitanti e la sua capitale è Zagabria. Il centro storico e culturale della città di raggiunge con una funicolare che sale alla chiesa di Santo Stefano, vicino alla quale trovano posto il parlamento e i palazzi politici.

La grande risorsa economica della Croazia è il mare e le sue 1000 isole, con la Costa Adriatica che da Rijeka scende sino a Dubrovnik, passando per Zara e Spalato e arrivando ai confini del Montenegro.

Tutte le città della costa e delle isole, nei secoli passati, hanno subito l'influenza della Repubblica Di Venezia. Questo si nota nell'architettura dei palazzi, dove talvolta si può vedere il leone di Venezia. Le città interne, come la capitale, hanno strutture architettoniche di ispirazione Austro-Ungarico. La Religione è quella Cattolica.

Per dire a una persona che era testardo una si diceva "Mi sembri un Croato". Forse questa testardaggine, usata in modo positivo e costruttivo, insieme a una grande umiltà e professionalità, è il segreto di questi campioni che militano anche squadre italiane della Serie A e che sonola rivelazione di questi campionati del mondo.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

20 Agosto 1968 duecentomila soldati del Patto di Varsavia e 5.000 carri armati, invadono la Cecoslovacchia per porre fine alla Primavera di Praga

Social

newTwitter newYouTube newFB