Lecco, 25 marzo 2018   |  

La Domenica delle Palme: affidiamoci al Signore che è salvezza

di Mario Stojanovic

Il Prevosto di Lecco mons. Cecchin: "Come possiamo esultare quando il terrorismo ha colpito ancora in Francia? Come possiamo gioire quando alcuni ragazzi mi vengono a dire che sono colpiti da bullismo? L'ultima parola sarà di Gesù".

WhatsApp Image 2018 03 25 at 09.35.03

Con la domenica delle palme viene ricordato l'ingresso di Gesù a Gerusalemme. Inizia così la Settimana Santa, detta anche Autentica, nella quale ricordiamo i tre misteri dolorosi di nostro Signore: la passione, la crocifissione e la morte che anticipano il mistero glorioso della Resurrezione. Inoltre è anche la settimana fondamentale e centrale dell'anno liturgico.

Nellla parrocchia di San Nicolò a Lecco la domenica delle palme si è aperta sul porticato della chiesetta di Santa Marta con la liturgia della benedizione degli ulivi.

In processione per le via del centro città, i moltissimi fedei presenti hanno poi raggiunta la Basilica, accolti dal canto Osanna, dove si è tenuta la solenne celebrazioni eucaristica presieduta dal prevosto di Lecco mons. Franco Cecchin e animata dalla corale della Basilica.

"La Parola di Dio - ha detto il Prevosto nell'omelia - oggi ci dice di gioire. Ma come possiamo esultare quando il terrorismo ha colpito ancora in Francia? Come possiamo gioire quando alcuni ragazzi mi vengono a dire che sono colpiti da bullismo? Ma Osanna significa Gesù vieni a salvarci. Durante la processione abbiamo cantato questo Osanna e Gesù l'ha sentito e l'ultima parola sarà la sua. Il male non si vince con il male, ma con il perdono. Partecipare alla settimana santa significa entrare in comunione con lui".

Al termine della celebrazione è stato distribuito l'ulivo benedetto.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

15 Luglio 1099 i soldati cristiani alla Prima Crociata prendono la chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme, dopo un difficile assedio

Social

newTwitter newYouTube newFB