Lecco, 06 maggio 2019   |  

"La cornucopia del bello offuscata dalla negligenza"

Paolo Trezzi: "Non se ne può più di questa continua immagine rovinata nonostante il bello che altri, non solo in Comune, mettono in campo".

IMG 20190506 182518

Cara Resegoneonline

Lecco ha meno di cinquantamila abitanti. Ma quando ci son cose belle i lecchesi sembrano milioni. Una brulicante Milano di facce e bella gente si è materializzata, questo fine settimana, per quartieri e centro.

''Belèe de cursa'', la festa del Lecco allo Stadio, la Mostra della Abbott a Palazzo Paure, Tuttaunaltrafesta del Pime, Nazieuropa a TeatroInvito, la street-art di Aver Cura del Bene Comune, la Prima-Vera Festa a Rancio con una bellissima Mostra interattiva su Leonardo della scuola Leopardi allo spazio oToLab.

Una cornucopia democratica che ha sconfitto anche il tempo incerto.
Sia benedetta l’abbondanza.

Tutta la bellezza di sinergie dirette e indirette tra associazioni, scuole, singoli cittadini, parrocchie e Istituzioni che sono ormai prassi consolidata.

Eppure non riesco a trattare con la dovuta nonchalance quel sordo rombo di bile che sale ogni volta che qualcuno presta il fianco per negligenza e arroganza a offuscare questo bello.

Come spesso capita anche questa volta artefice è l’Assessore al decoro urbano e lavori pubblici che offre quest'ennesima possibilità a cittadini e consigliera Bettega, con l’abbandono del Parco di Palazzo Belgiojoso. Un elenco di dimenticanze, mancate riparazioni, assente manutenzione.

Con il catafalco che da mesi imbriglia i non lavori alla statua del Cermenati.
O i 10 metri 10!!!! del marciapiede di via Grassi sul Ponte della ferrovia, all’imbocco del nuovo Silos del Broletto, abbandonato incompleto da mesi e mesi con indecorose e precarie transenne e nastri da cantiere, e oggi, in aggiunta con rattoppi di sabbia e sputo al posto del porfido e buchi nella strada per un lavoro di asfaltatura finito poco più di una manciata di settimane fa.

Davvero non se ne può più di questa continua immagine rovinata nonostante il bello che altri, non solo in Comune, mettono in campo.

Il politico degli annunci, del multisala, della scuola d'alta cucina a Villa Ponchielli, della ristrutturazione del Lariano, dell'acquisto dell'Isola Viscontea, della riapertura ogni volta in una data a caso del Teatro, della Piazza Affari promessa per Concerti, Opere, del Porticciolo, ect che son lì da vedere.

E’ davvero sconsolante che per colpa di un assessore ne paghi le conseguenze tutta la Città.

Valsecchi è uno che dice di voler fare il Sindaco per sollevare Lecco ma visti i danni e d’immagine dovrebbe invece abbassare le arie e far l’osservatore di orizzonti sulle panchine del lungolago.

Perché “ogni falsità è una maschera, e per quanto la maschera sia ben fatta, si arriva sempre con un po’ di attenzione, a distinguerla dal volto” diceva Alexandre Dumas.

Paolo Trezzi

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Ottobre 2003 a Roma, in piazza San Pietro viene beatificata Madre Teresa di Calcutta.

Social

newTwitter newYouTube newFB