Valmadrera , 15 maggio 2020   |  

La comunità di Valmadrera ricorda Lodovico Butti

Storico volontario dell'oratorio, scomparso giovedì 14 maggio, a 74 anni.

vico

“Non ti preoccupare don, ci penso io”. E’ questa la frase che tanti sacerdoti dell’oratorio di Valmadrera si sono sentiti ripetere da Butti Lodovico, storico volontario, scomparso giovedì 14, a 74 anni.

Ha iniziato a dare una mano a don Luigi Stucchi, quando non aveva ancora 20 anni fino a rammaricarsi con don Tommaso Nava, attuale coadiutore, di non riuscire ultimamente a fare di più per la parrocchia.

«E’ stato lui ad aprirmi le porte dell’oratorio, appena destinato a Valmadrera – ricorda infatti don Tommaso - a spiegarmi tutto qui in via Bovara 11, a mostrarmi anche i conti su un foglietto scritto da lui a mano, ma precisissimo».

Il suo stile era semplice: un giro all’oratorio, la domenica, oppure durante un’attività, le telefonate per organizzare i turni delle mamme e dei volontari al bar, caricare di materiale il pulmino per il campeggio, prenotare il pullman per una gita, pagare una bolletta in scadenza, un’incombenza improvvisa...

«A noi preti – continua don Tommaso – ha tolto tante preoccupazioni pratiche, anzi spesso era lui che mi anticipava:”Don, tra 15 giorni hai fissato quell’incontro: ti trovo io qualcuno per la merenda ai ragazzi?”. Era sempre presente, rimanendo dietro le quinte; a fatica gli abbiamo organizzato una festa per i suoi 70 anni. Un figura familiare: per tutti “Vico”, che sapeva scherzare anche coi ragazzi, non solo volontario, ma anche educatore. Mi ha commosso quando qualche tempo fa, andandolo a trovare, mi ha detto che si sentiva quasi in colpa per non riuscire a fare più tanto per l’oratorio. Grazie a nome di più di una generazione di ragazzi e di famiglie della città».

Grazie da estendere ai fratelli Gildo e Giulietta e alla moglie Luigia, anche lei impegnata in parrocchia con il Movimento Terza Età. Grazie ai figli Eleonora e Antonio.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

2 Giugno 1946 con un referendum istituzionale gli italiani decidono di trasformare l'Italia da monarchia a repubblica (12.717.923 voti contro 10.719.284). Dopo questo referendum il Re d'Italia Umberto II di Savoia lascia il Paese

Social

newTwitter newYouTube newFB