Lecco, 24 marzo 2020   |  

La città di Lecco si affida al suo patrono San Nicolò

Il Prevosto Mons. Milani: Lo preghiamo, non perché ci liberi magicamente da un male così grande, ma perché ci aiuti a vedere dove è Dio in questa prova

supplica san nicolo 3

Davanti alla statua di San Nicolò il prevosto mons. Davide Milani ha invocato la benedizione sulla nostra città, in queste difficili settimane di emergenza per il coronavirus.

supplica san nicolo 1«Per i meriti e l'intercessione di San Nicolò, il Signore benedica Lecco, – invocato mons. Milani - tutti i suoi abitanti, i malati, coloro che sono nell'ombra della morte, chi opera per il bene comune, chi presta soccorso e tutti noi. Ricorriamo al nostro patrono in questo momento di prova così grande per la nostra città, per la Lombardia e il mondo intero. Perché San Nicolò da sempre protegge la nostra città. Lo preghiamo, non perché ci liberi magicamente da un male così grande, ma perché ci aiuti a vedere dove è Dio in questa prova, a vedere la sua presenza consolatoria affianco a noi».

«Lo possiamo vedere in tutte le persone che soffrono, che muoiono sole e lontane dalle proprie famiglie e affetti. Lo vediamo nel gesto eroico, disinteressato e generoso di tutti gli infermieri, medici e personale dei nostri ospedali, in tutte le istituzioni che unite stanno facendo di tutto per soccorrere la popolazione. Lo vediamo nei volontari, nelle persone che cercano di dare una mano, in chi prega per chi soffre e per chi aiuta, in tutte le persone spaventate che cercano consolazione».

supplica san nicolo 2E ancora: «Osiamo chiedere che questo male che ci affligge e prova, passi presto. Abbiamo meno paura se tutti i nostri santi e la Madonna ci sostengono. La malattia e, Dio non voglia, la morte ci potrà cogliere, ma sappiamo che c'è una salvezza ancora più grande che viene per noi.

Alla supplica a San Nicolò hanno preso parte anche il sindaco Virginio Brivio, il questore Filippo Guglielmino e don Filippo Dotti.

Quello della supplica e l'affidamento a San Nicolò è un gesto consolidato per Lecco: «È un rito – ha proseguito monsignor Milani - che la Chiesa ha sempre fatto e che noi rinnoviamo e lo ripeteremo ogni martedì in ognuna delle comunità pastorali della nostra città, affidandoci a tutti i santi». Martedì prossimo il gesto sarà ripetuto, sempre alle 12, nel rione di Chiuso davanti alla statua del Beato Serafino Morazzone.

Domani sera, alle 21.30 in Basilica, sempre senza la presenza di fedeli, verrà officiata una messa in cui saranno ricordati tutti i nomi delle persone scomparse in questi giorni, per le quali non è stato possibile celebrare il funerale.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

27 Settembre 1540 l'Ordine dei Gesuiti riceve il proprio statuto da Papa Paolo III

Social

newTwitter newYouTube newFB