Lecco, 03 dicembre 2018   |  

La bolletta idrica si rinnova: aggiornati forma, contenuti e struttura della tariffa

Introdotta la tariffazione pro-capite per abitante residente, si retro-applicherà a partire dal 1° gennaio 2018

Al termine di un complesso iter di approvazione che ha coinvolto l’autority nazionale (ARERA), l’Ufficio d’ambito di Lecco, i Sindaci dei Comuni e il Consiglio provinciale, sono state introdotte, con decorrenza 1° gennaio 2018, importanti novità nelle tariffe per il servizio idrico.

«Fino a fine 2017 le tariffe idriche lecchesi presupponevano che tutte le famiglie fossero composte da 3 persone, sulla base di un dato statistico dell’ISTAT – spiega Vincenzo Lombardo, direttore generale di Lario Reti Holding –. A partire dal 2018 e a seguito delle delibere degli Enti regolatori nazionale e locale, viene introdotto un nuovo sistema di calcolo che tiene conto dell’effettiva composizione di ogni nucleo famigliare, garantendo un’adeguata “dot azione” pro capite giornaliera e incentivando il risparmio dell’acqua. Con questo aggiornamento si va perciò incontro alle esigenze delle famiglie più numerose».

slide lrh redazionale 4


Il grafico raffigurante l'andamento dei consumi per periodo



Il nuovo sistema tariffario prevede novità anche in altri ambiti:
-la suddivisione della quota fissa nelle tre componenti di acquedotto, fognatura e depurazione;
-la modifica della tariffa di fognatura e depurazione per gli scarichi autorizzati di acque industriali
e meteoriche contaminate;
-il superamento del sistema di acquisto delle quote di concessione per le utenze commerciali, artigianali e industriali, a favore di una tariffazione similare a quella delle utenze domestiche, basato quindi sui reali consumi.

La quota fissa è dovuta al gestore indipendentemente dal consumo e copre i costi fissi che Lario Reti Holding sostiene per l’erogazione del servizio. Grazie alla nuova tariffa, tale quota, che rimane invariata nel suo valore complessivo, viene scomposta secondo i tre servizi di acquedotto, fognatura e depurazione, consentendo una riduzione in bolletta a coloro che vivono in zone prive di pubblica
fognatura. Il fac-simile per la dichiarazione di utenza in zona non servita è disponibile sul sito www.larioreti.it/moduli.

slide lrh redazionale 1


Riepilogo importi, con l'indicazione grafica di composizione della bolletta e i valori chiaramente rappresentati.



Permane la necessità che tali utenze siano dotate di un sistema individuale di trattamento dei reflui e della relativa autorizzazione allo scarico rilasciata dalla Provincia di Lecco.
Ogni informazione in merito è reperibile sul sito www.provincia.lecco.it, sezione “Ambiente”, sottosezione “Acque”.

Date e termini di applicazione delle nuove tariffe Su decisione dell’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), le novità introdotte vengono applicate dallo scorso 1° gennaio 2018. Eventuali conguagli verranno di conseguenza riportati sulla prima bolletta utile a partire da novembre 2018.

Per adeguarsi al nuovo sistema tariffario, uniformato a livello nazionale, è stato necessario elevare la quota agevolata prevista per le utenze domestiche residenti. Tale operazione comporterà una ridistribuzione dei costi, determinando un aumento per le utenze fino a 3 componenti ed una riduzione per le famiglie più numerose, per via dell’introduzione del principio del consumo pro capite.


Assicurati di usufruire correttamente della nuova tariffa idrica

DICHIARA I COMPONENTI DEL TUO NUCLEO FAMILIARE
Assicurati di usufruire correttamente della nuova fascia tariffaria agevolata! Lario Reti Holding mette a disposizione dei propri clienti un apposito modulo per la dichiarazione del dei componenti del nucleo. Questo è disponibile sul sito all’indirizzo www.larioreti.it/moduli, può essere compilato da PC ed inviato via email all’indirizzo utenze.acqua@larioreti.it senza recarsi agli sportelli territoriali. Per ogni informazione è a disposizione il numero verde gratuito del servizio clienti: 800 085 588

slide lrh redazionale 2

L'elenco dei contatti utili di Lario Reti Holding



La bolletta di Lario Reti Holding cambia grafica
La nuova veste grafica della bolletta idrica è in uso da settembre 2018. La revisione ha il compito di facilitare la lettura e l’interpretazione dei consumi e delle principali informazioni riportate in fattura, mantenendo un’impaginazione coerente con i criteri stabiliti dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

Ma quali sono e dove sono le informazioni più importanti della nuova bolletta?
«I dati di contratto, il riepilogo importi ed i contatti utili rimangono in prima pagina –conferma Vincenzo Lombardo, direttore generale di Lario Reti Holding – . E sono stati resi più leggibili con l’introduzione di un grafico e di apposite icone».

Ulteriori innovazioni riguardano l’autolettura del contatore e le analisi di qualità dell’acqua, ora rese più visibili con l’ausilio di tabelle ed immagini, a pagina tre. Per chi volesse invece usufruire dell’opzione di rateizzazione della fattura oppure volesse consultare la situazione dei pagamenti pregressi oppure i metodi di pagamento a disposizione della clientela, li può trovare, in forma riassunta, a pagina 4. Infine, in un’ottica di trasparenza del servizio, sono stati introdotti a pagina 7 e 8 i dettagli relativi alla qualità commerciale del servizio: tabelle di facile lettura che riportano i tempi a disposizione di Lario Reti Holding per svolgere le varie pratiche, il numero di servizi resi per ciascuna tipologia nonché le medie di tempi dell’ultimo anno fiscale (2017).

slide lrh redazionale 3

Le indicazioni per l'autolettura dei contatori



«Con la chiusura dell’anno fiscale 2018 inseriremo anche le variazioni in miglioramento o peggioramento rispetto al precedente anno – chiude Lombardo – e questo porterà ancora maggior trasparenza nei confronti dei nostri clienti, che potranno giudicare in prima persona la bontà del nostro operato».

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Dicembre 1842, a Fraciscio di Campodolcino (Como),  nasce don Luigi Guanella (morirà a Como il  24 ottobre 1915), riconosciuto santo dalla Chiesa cattolica.  A lui si deve la fondazione delle congregazioni cattoliche dei Servi della Carità e delle Figlie di Santa Maria della Divina Provvidenza.

Social

newTwitter newYouTube newFB