Ballabio, 05 agosto 2020   |  

Intitolata a "Butch" Anghileri la palestra di arrampicata di Ballabio

Il suggerimento è stato espresso dal presidente emerito della sottosezione Cai di Ballabio, il famoso alpinista Giuseppe "Calumer" Orlandi

CroppedImage720439-serata-marco-anghileri.jpg-15

La giunta comunale di Ballabio ha deliberato, questa mattina, l'intitolazione a Marco "Butch" Anghileri della palestra d'arrampicata indoor realizzata al parco Monte Due Mani. Il suggerimento è stato espresso dal presidente emerito della sottosezione Cai di Ballabio, il famoso alpinista Giuseppe "Calumer" Orlandi, interpellato al riguardo, ed è stato accolto con slancio dal sindaco.

"ll Calumer - spiega Alessandra Consonni - ha convenuto sull'opportunità di intitolare la palestra d'arrampicata a una figura particolarmente rappresentativa dell'alpinismo lecchese, legata all'attività associativa e alle montagne di Ballabio: non c'è dubbio che il nome di Marco Anghileri sia un'ottima scelta. Il pensiero che l'amministrazione comunale di Ballabio dedica a questo grande alpinista è condiviso dal padre, il signor Aldo Anghileri, che ha compreso il profondo significato di questa scelta, ricordando quanto nella vita del Butch sia stata importante l'esperienza ballabiese".

Marco Anghileri, nato a Lecco il 16 settembre del 1972 e, purtroppo, vittima di un tragico incidente sul Monte Bianco il 14 marzo 2014, è autore di epiche imprese e ritenuto l’erede di leggendari scalatori come Casimiro Ferrari e Riccardo Cassin, già membro del direttivo del Cai Ballabio e che proprio sulla nostra Grigna cominciò ad arrampicare da giovanissimo, giudicato dallo stesso Calumer e dagli amanti della montagna uno dei più forti alpinisti del mondo, proprio nell'ambito del suo incarico a Ballabio ebbe modo di dedicarsi ad avviare all'alpinismo le giovani generazioni.

La palestra d'arrampicata indoor del Comune di Ballabio è, dunque, destinata a fregiarsi di "firme" importanti nel mondo dell'alpinismo: in primis quella del Calumer, che in questi giorni ha anche diretto lavori di rifinitura della parete in vista dell'inizio delle attività sportive previste per l'autunno dalla convenzione siglata tra Comune e Cai; nello scorso autunno, invece, fu Stefan Glowacz, leggenda mondiale dell'arrampicata e grande protagonista del moderno alpinismo ad apporre materialmente il suo autografo sulla parete.

Ora la palestra d'arrampicata indoor di Ballabio si prepara a ricevere la targa con il nome di un grande alpinista, Marco "Butch" Anghileri, consacrando sempre più quell'antico legame nato, sotto le Grigne, dall'amore per la montagna.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

30 Novembre 1786 il Granducato di Toscana è il primo stato del mondo occidentale ad abolire la pena di morte (Leopoldo II del Sacro Romano Impero)

Social

newTwitter newYouTube newFB