Lecco, 07 gennaio 2017   |  

Incendio sul Due Mani: il grazie di Ballabio e Morterone

Invernizzi: grande professionalità e capacità di collaborare; Consonni: ringrazio tutti i protagonisti di queste due giornate

canadair monte due mani 2

Ora che l'incendio sul Monte Due Mani è stato domato, i sindaci di Morterone e Ballabio ringraziano tutti coloro che hanno partecipato alle operazioni per la messa in sicurezza dell'area e dei due paesi.

Desidero rivolgere il mio più sentito apprezzamento a tutti le forze in campo, volontari e non, che durante l’incendio che ha interessato il Monte Due Mani nei giorni 6 e 7 gennaio 2016 e ha portato alla chiusura della Sp 63 con il relativo isolamento di Morterone, si sono dedicati alla circoscrizione e allo spegnimento delle fiamme. Adesso che ci troviamo di fronte ad un ambiente stabilizzato, voglio far giungere il mio “Grazie!” a tutti coloro i quali si sono dedicati, giorno e notte, a operare in zone impervie e non facilmente raggiungibili. Attraverso la vostra grande dedizione, al vostro impegno e all’ingente impiego di attrezzature, la situazione è stata gestita in maniera egregia ed è stato raggiunto l’obiettivo di normalizzare la situazione. In queste due giornate ho avuto modo di stimare non solo lo spirito di sacrificio e di abnegazione espresso da voi, uomini e donne all’opera, ma anche la vostra grande professionalità e la capacità di collaborare, mobilitando con rapidità ed efficienza risorse umane e tecniche di grande importanza.
Antonella Invernizzi
Sindaco Comune di Morterone

Le fiamme che hanno devastato il monte Due Mani sono state piegate e domani mattina avremo la comunicazione ufficiale. Questa notte, per massimo scrupolo, avverrà l'ultimo monitoraggio della zona incenerita. All'opera ancora l'Antincendio Boschivo della Comunità montana del Lario orientale. Li ringrazio assieme a tutti gli altri protagonisti di queste due giornate, coi quali è stato possibile mantenere un filo diretto costante e con i quali mi complimenterò in maniera meno frettolosa. A cominciare dai cittadini, che hanno dimostrato compostezza e fiducia nelle istituzioni.
Alessandra Consonni
Sindaco di Ballabio

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

18 Gennaio 1919 viene fondato a Roma da don Luigi Sturzo il Partito popolare italiano

Social

newTwitter newYouTube newFB