Lecco, 02 gennaio 2019   |  

Incendi a Montevecchia e a Esino: Vigili del Fuoco in azione

Inoltre sono pervenute alla sala operativa diverse richieste di intervento per la rimozione di rami pericolanti e per la sistemazione di tetti scoperchiati o tegole smosse.

Immagine1546462162913

I Vigili del fuoco del Comando di Lecco sono stati chiamati a intervenire oggi in diverse situazioni: al termine della giornata sono stati, infatti, 23 gli interventi portati a termine dagli uomini del Comando.

Complice il forte vento, anche oggi come nei giorni appena trascorsi, sono pervenute alla sala operativa diverse richieste di intervento per la rimozione di rami pericolanti e per la sistemazione di tetti scoperchiati o tegole smosse; inoltre si sono verificati diversi incendi di canne fumarie e di sterpaglie.

In particolare due di questi incendi, uno nel comune di Montevecchia e uno nel comune di Esino Lario, hanno destato particolare attenzione per la vastità delle sterpaglie coinvolte e per la vicinanza ad abitazioni.

In entrambi i casi l’intervento dei Vigili del fuoco del Comando ha consentito di contenare le conseguenze delle fiamme, riportando rapidamente la situazione sotto controllo. Per l’incendio sviluppatosi nel comune di Montevecchia sono ancora operative squadre dei Vigili del Fuoco che stanno gestendo la situazione coordinando l’intevento tra le proprie risorse e quelle del servizio antincendio boschivo. del parco del Curone.

Durante la giornata è stato richiesto anche l’intervento del personale nautico del Comando di piazza Bione per il recupero di una imbarcazione liberatasi dagli ormeggi probabilmente a causa del vento.

Trasferta “fuori provincia”, infine, per i volontari del Distaccamento di Merate che sono intervenuti nel pomeriggio nel comune di Calusco (BG) per un incidente stradale.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Luglio 1927  ad Adenau (Germania) Alfredo Binda vince il 1º Campionato del mondo professionisti di ciclismo. I primi posti sono tutti italiani: seguono Binda Costante Girardengo, Domenico Piemontesi e Gaetano Belloni

Social

newTwitter newYouTube newFB