Lecco, 16 maggio 2019   |  

In Torre Viscontea a Lecco la mostra "Liberi di respirare: amianto killer"

Sarà visitabile dal 31 maggio al 16 giugno, nel centro espositivo di piazza XX Settembre.

Schermata 2019 05 16 alle 12.59.02

Liberi di respirare: amianto killer, non è soltanto un mostra allestita alla Torre Viscontea, in Piazza XX Settembre dal 31 maggio al 16 giugno. È un progetto che ha come obiettivo la sensibilizzazione di tutta la cittadinanza di Lecco e Provincia sul tema dell’amianto e dei rischi che si corrono, ancora oggi, anche qui in Lombardia e a Lecco, a causa dell’esposizione a questa fibra killer.

Gli studenti del Liceo Artistico Medardo Rosso di Lecco hanno seguito un percorso di formazione insieme al Gruppo Aiuto Mesotelioma (GAM) e attraverso le conoscenze acquisite hanno realizzato opere artistiche, pezzi unici realizzati attraverso stampa di calcografia e serigrafia, ma fruibili nel significato anche grazie all’azione di alcuni supporti multimediali con i quali è stato possibile rendere ‘tangibile’ l’iter creativo seguito da ogni artista per la produzione del lavoro nonché le riflessioni e le emozioni che lo hanno attivato.

Emozioni che hanno fatto da base per un percorso di formazione e di consapevolezza sul tema dell’amianto e sulle terribili malattie asbesto-correlate. La salute infatti è stata definita dall’Organizzazione mondiale della sanità lo “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia”. La salute viene considerata un diritto e come tale si pone alla base di tutti gli altri diritti fondamentali che spettano alle persone, ma nonostante ciò, nel territorio di Lecco e provincia sono ancora presenti oltre 70 mila i metri cubi di amianto da rimuovere, l’equivalente di un palazzo di 13 piani costruito interamente da fibre cancerogene. L’intento del Gruppo Aiuto Mesotelioma e della mostra è quello di ottenere nel territorio un livello di amianto pari a zero, l’unica esposizione veramente sicura, come ha dimostrato l’Agenzia Internazionale di Ricerche sul Cancro (IARC).

È per affermare il diritto universale alla salute che la mostra è stata pensata dal Liceo artistico Medardo Rosso e dal GAM in collaborazione con Comune di Lecco, Musei di Lecco e API di Lecco.

Per massimizzare l’efficacia della sensibilizzazione la mostra è accompagnata da diverse attività di comunicazione online gestite dai ragazzi che hanno partecipato al progetto. Oltre ai canali tradizionali, come poster, cartoline e volantini, la mostra è stata raccontata attraverso i canali digitali, dove soprattutto i più giovani sono maggiormente attivi. Post su Facebook, meme, immagini su Instagram o dinamiche di Guerrilla Marketing trovano il loro coronamento nel flash mob che si terrà Sabato 25 maggio ore 10 nel centro storico lecchese, per favorire la condivisione del materiale prodotto, e per raggiungere un numero maggiore di persone da sensibilizzare.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

26 Maggio 1986 la Comunità Europea adotta la bandiera europea

Social

newTwitter newYouTube newFB