Lecco, 08 dicembre 2017   |  

In Basilica a Lecco la festa per i nuovi cooperatori

di Mario Stojanovic

Sono stati inoltre nominati 8 nuovi lettori, 4 chirichetti e 7 cantori.

WhatsApp Image 2017 12 08 at 11.15.05

A metà del cammino dell'Avvento, l'8 dicembre la Chiesa celebra l'Immacolata Concezione. Grande partecipazione questa mattina in Basilica a Lecco perché durante la santa messa la comunità ha accolto tre nuovi cooperatori: Nicola Parolari, educatore delle medie; Andrea Rusconi, educatore delle medie e Stefano Valsecchi, educatore adolescenti e responsabile chirichetti.

La festa dei cooperatori della parrocchia di San Nicolò è stata anche l'occasione per ricordare i cooperatori defunti Giacomo Galli e Oreste Ghislanzoni e per ringraziare gli anniversari di: Giovanni Bonfanti (65esimo), Antonio Bonfanti (60esimo), Andrea Castelli e Sandro Dolci (55esimo), Sergio Sala, Feruccio Sangalli e Giuseppe Trezzi (50esimo). Sono stati inoltre nominati 8 nuovi lettori, 4 chirichetti e 7 cantori.

A presiedere la celebrazione eucaristica mons. Franco Cecchin, con don Paolo Ventura, don Filippo Dotti, il diacono Armando Comini e mons. Giuseppe Longhi che proprio 50 anni fa ha iniziato il suo cammino pastorale all'oratorio San Luigi di Lecco.

L'omelia è stata pronunciata da mons. Longhi, sacerdote nativo di Garlate, già vicario episcopale e ora nella parrocchia di Besana Brianza: "La sfida nel nostro tempo è ritrovare Dio nella sua bellezza e bontà, lo Spirito Santo, Cristo Crocifisso, ma anche l'uomo e l'amore. Non si può vivere senza la bellezza perché essa genera amore, compassione, giustizia e pace. La bruttezza invece mortifica la libertà ed esplode in violenza".

E ancora: "L'amore di Gesù è provocazione. Occorre essere umili e misericordiosi per vivere autenticamente il Vangelo. Vivere questa missione è per la comunità cristiana superare i particolarismi, alla collaborazione responsabile. Augruo a tutta la comunità la fedeltà profonda nella propria storia, ricca di fede, di amore e di umanità".

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Aprile 1945 l'esercito nazifascista si arrende e lascia l'Italia dopo le insurrezioni partigiane a Genova, Milano e Torino, ponendo fine all'occupazione tedesca in Italia: l'evento viene ricordato ogni anno dalla Festa della Liberazione

Social

newTwitter newYouTube newFB