Berna, 18 maggio 2017   |  

Il pianista lecchese Andrea Domenici sul palco del Festival di Berna

Apprezzato pianista a New York, frequenta un prestigioso master alla Juilliard School.

andrea domenici pianista

Italiano, nonchè lecchese, l'unico europeo che rappresenterà la famosa Juilliard School di New York al Festival Internazionale Jazz di Berna. Si chiama Andrea Domenici, giovane e promettente pianista.

Dal 16 maggio al 20 maggio Domenici suonerà in quartetto al festival di Berna con DAVID ADEWUMI GROUP:
ADEWUMI, David Aluwemi, Trumpet
DOMENICI, Andrea, Piano
WANGEMANN, Andrew Thomas, Drums
NORRIS, Philip Burn, Bass

andrea domenici pianista2Andrea ha avuto modo di studiare con grandi del jazz come Kenny Barron, Barry Harris, Rossano Sportiello, Pat O’leary, Reggie Workman, Harry Allen. Ha avuto modo di condividere il palco con David Kikoski, Gary Bartz, James Carter, Alvin Queen, Marco Panascia, Joseph Lepore, Max Ionata, Emanuele Cisi, Luca Santaniello, Dave Glasser, Zan Tetickovic, Giacomo Tagliavia, Ron Mclure…

Suonerà questa settimana per 5 serate con un gruppo di 3 giovani americani.

Andrea Domenici è nato a Lecco il 19 Giugno 1992. Sin da bambino Andrea ha sviluppato una passione verso la musica di Erroll Garner, Oscar Peterson, Bud Powell grazie al padre il quale gli ha impartito le prime lezioni di pianoforte.

Decide di dedicarsi al pianoforte ed al jazz all’eta’ di 15 anni. Mario Rusca impartisce lezioni ad Andrea per 5 anni rivoluzionando la sua conoscenza musicale. Dado Moroni successivamente diventa una grandissima influenza per Andrea dandogli diverse lezioni e consigli.

Finito il liceo, Andrea, su consiglio di Dado Moroni e Mario Rusca, decide di studiare jazz nella grande mela: New York City. Frequenta e si laurea con lode presso la New School for Jazz and Contemporary Music. Lo scorso anno viene ammesso, unico europeo , ad un master in musica jazz alla prestigiosa The Juilliard School.



Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Ottobre 1956 migliaia di dimostranti ungheresi protestano contro le influenze e l'occupazione sovietica della loro nazione (la Rivoluzione ungherese verrà stroncata il 4 Novembre)

Social

newTwitter newYouTube newFB