Lecco, 05 novembre 2017   |  

Il falco Eros Radaelli conquista la Sgambata di Maggianico

Rota e Artusi completano il podio. Nella gara femminile successo per Chiara Fumagalli.

ape locandina maggianico

Sono Eros Radalli ei Falchi e Chiara Fumagalli della società I Bocia di Verano Brianza ad aggiudicarsi la 30 esima edizione della Sgambata Maggianico-Camposecco-Maggianico.

La gara di corsa in montagna, di circa 8 chilometri, con partenza dall’Oratorio Maschile di Maggianico, transito dalla Baita Corbetta di Camposecco, sulle pendici del monte Magnodeno, e ritorno a Maggianico, nonostante il maltemp ha visto partecipare 108 atleti, provenienti anche dalle province di Bergamo, Como, Milano, Monza Brianza e di Sondrio.

A vincere la gara e dunque anche il Trofeo “Combi Giorgio” alla memoria, collega dell’APE deceduto durante le operazioni di spegnimento di un incendio al Monte Due Mani nell’inverno del 2002, è stato Eros Radaelli dell’ASD Falchi Lecco con il tempo di 0.33.13,6.

Sul podio con Radaelli Andrea Rota (premiato anche atleta più giovane al via) del Team Salomon e Roberto Artusi del Team Pasturo. Al femminile successo per Chiara Fumagalli che ha preceduto Maria Gianola dell'As Premana e Daniela Vassalli dell'Atletica Paratico. Nella classifica riservata agli over 54 vittoria per Giancarlo Fraquelli, mentre nella gara riservata agli under 55 successo per Luca Conti.

In 106 sono riusciti a tagliare il traguardo in tempi decisamente ben inferiori al tempo limite di 1 ora e 30 minuti. Tra di essi anche Severino Aondio (classe 1932) e Francesca Canali (Classe 1949), i più anziani in gara.

download pdf La classifica finale della Sgambata 2017

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Novembre 1889 il primo Juke box entra in funzione nel Palais Royale Saloon di San Francisco

Social

newTwitter newYouTube newFB