Lecco, 05 novembre 2017   |  

Il falco Eros Radaelli conquista la Sgambata di Maggianico

Rota e Artusi completano il podio. Nella gara femminile successo per Chiara Fumagalli.

ape locandina maggianico

Sono Eros Radalli ei Falchi e Chiara Fumagalli della società I Bocia di Verano Brianza ad aggiudicarsi la 30 esima edizione della Sgambata Maggianico-Camposecco-Maggianico.

La gara di corsa in montagna, di circa 8 chilometri, con partenza dall’Oratorio Maschile di Maggianico, transito dalla Baita Corbetta di Camposecco, sulle pendici del monte Magnodeno, e ritorno a Maggianico, nonostante il maltemp ha visto partecipare 108 atleti, provenienti anche dalle province di Bergamo, Como, Milano, Monza Brianza e di Sondrio.

A vincere la gara e dunque anche il Trofeo “Combi Giorgio” alla memoria, collega dell’APE deceduto durante le operazioni di spegnimento di un incendio al Monte Due Mani nell’inverno del 2002, è stato Eros Radaelli dell’ASD Falchi Lecco con il tempo di 0.33.13,6.

Sul podio con Radaelli Andrea Rota (premiato anche atleta più giovane al via) del Team Salomon e Roberto Artusi del Team Pasturo. Al femminile successo per Chiara Fumagalli che ha preceduto Maria Gianola dell'As Premana e Daniela Vassalli dell'Atletica Paratico. Nella classifica riservata agli over 54 vittoria per Giancarlo Fraquelli, mentre nella gara riservata agli under 55 successo per Luca Conti.

In 106 sono riusciti a tagliare il traguardo in tempi decisamente ben inferiori al tempo limite di 1 ora e 30 minuti. Tra di essi anche Severino Aondio (classe 1932) e Francesca Canali (Classe 1949), i più anziani in gara.

download pdf La classifica finale della Sgambata 2017

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Giugno 1910 è fondata a Milano la Anonima lombarda fabbrica automobili, ovvero l'Alfa Romeo.

Social

newTwitter newYouTube newFB