Lecco, 07 gennaio 2018   |  

Il Coe nelle scuole della Valsassina: chi ha paura della diversità?

Il progetto coinvolgerà 600 studenti di tutti gli istituti comprensivi della Valle.

opere artistiche 1

Parte l’8 gennaio l’ultima fase del progetto “Chi ha paura della diversità?” promosso dal COE Centro Orientamento Educativo e sostenuto dalla Fondazione della Provincia di Lecco, dalla Banca della Valsassina e dalla Galleria Melesi.

E’ il cuore del progetto che vede coinvolti circa 600 bambini, alunni della scuola Primaria e della Scuola d’Infanzia. Interessa tutti i paesi della Valle proponendo attività educative alle classi 3°, 4° e 5° delle Scuole Primarie di Premana, Casargo, Cortenova, Primaluna, Introbio, Pasturo e Cassina e alla Scuola per l’Infanzia di Ballabio.

Il progetto ha preso avvio in estate con proposte rivolte agli adulti: un Convegno sul Mediterraneo tenuto presso la sede del COE a Barzio e con una rassegna cinematografica che ha presentato film provenienti da Italia, Tunisia, Burkina Faso, Marocco, Sudan e Ruanda, introdotti da esperti cinematografici e animatori interculturali.

Nei prossimi mesi, avvalendosi del libro “E tu chi sei? L’Okapi”, scritto dal lecchese Dino Ticli, autore di numerosissimi libri per ragazzi, e illustrato dall’artista Gianni Cella, il progetto “Chi ha paura della diversità?” offrirà alle scuole della Valsassina interessanti e divertenti momenti educativi nei quali i bambini saranno portati a riflettere sul valore e sulle opportunità di crescita che ogni incontro porta con sé.

Muovendosi tra letteratura per l’infanzia e opere artistiche prodotte in diversi Paesi del mondo, i bambini potranno scoprire le loro capacità empatiche e le loro doti espressive e nello stesso tempo crescere come cittadini proiettati in una società che ha bisogno di coesione e di solidarietà.

Conosceranno la storia della piccola Okapi.
Una storia di animali che ci parla degli uomini. Una storia di animali che rispetta le caratteristiche etologiche e ecologiche di ciascuno, ma che fa riflettere sulle varie culture e popolazioni umane.
La giovane okapi, alla ricerca della sua identità, grazie al suo aspetto così particolare che sembra riassumere le caratteristiche di diverse specie, vive una serie di avventure e di incontri che le permetteranno di capire che non esiste la “specie perfetta”, ma che ognuna è portatrice di ricchezza e che tutte insieme, proprio per le loro diversità, creano armonia.
La protagonista imparerà il significato profondo della parola accoglienza e come sia importante la disponibilità ad accettare e a condividere, da ospite, diversi stili di vita.
Infine la scoperta più grande: ogni singolo individuo è importante perché creatura unica e irripetibile.

Il laboratorio
Inoltre i bambini, scopriranno il regno animale, a loro tanto caro, rappresentato con tecniche artistiche originali e provenienti da diversi Paesi del mondo: dalla Tenture del Benin che produce pannelli decorativi dal felice e acceso cromatismo, al Batik, nato in Asia, con cui si ottengono figure lavorando i tessuti con cera e tinture, ai dipinti su tela, vetro, seta, cortecce e ai ricami tra i quali gli spettacolari Nockshi Kantha dell’India.
Così, aprendosi a conoscenze e scoperte nuove, i giovani alunni saranno più preparati alla società del futuro che li vede cittadini del mondo intero.

"E’ per questo futuro di universalità che tutte le realtà sociali, e certamente in modo significativo la scuola, devono essere attente a liberarli dalla paura del diverso e offrire loro, attraverso la conoscenza e la consapevolezza di un di più positivo che ognuno può offrire, un orizzonte sereno e capace di progettare con lungimiranza un tempo sempre migliore. Certamente questo progetto è come una piccola goccia nel grande mare della vita, che però può far crescere la pianta della speranza e della fiducia presente in ognuno di noi, magari in germe ma pronta a fiorire", spiega il Coe.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

22 Settembre 1499 con il trattato di Basilea la vecchia Confederazione, che ha dato origine alla Svizzera, diventa uno stato indipendente.

Social

newTwitter newYouTube newFB