Lecco, 19 marzo 2019   |  

Il cardinale Scola alla serata dedicata a Tino Vaglieri

L’Arcivescovo emerito alla serata promossa da Galleria Bellinzona e Centro culturale Alessandro Manzoni.

Tino Vaglieri 017

A sorpresa, ieri sera (lunedì 18 marzo), anche il cardinale Angelo Scola è salito sul palco dell’incontro pubblico organizzato dalla Galleria Bellinzona e dal Centro culturale Alessandro Manzoni per riflettere attorno alla “Morte del Minatore”, la Crocifissione laica che nel 1956 Tino Vaglieri dipinse appena saputa la sconvolgente notizia del disastro minerario di Marcinelle, con centinaia di morti oltre la metà dei quali italiani.

L’arcivescovo emerito di Milano ha così accolto l’invito di Oreste Bellinzona a dialogare - in queste settimane della Quaresima cattolica - su temi umanissimi quali il significato del dolore, il senso della vita e la morte, e ancora della domanda di infinito e del desiderio urlato di salvezza dentro le tragedie, i drammi personali e collettivi dell’esistenza. Temi rappresentati appunto dalla “Morte del Minatore”, l’opera culmine della mostra dedicata a Tino Vaglieri e in corso alla Galleria Bellinzona, protagonista della serata svoltasi presso la Sala conferenze dell’Unione industriali.

Tino Vaglieri 082Introdotto da Gigi Riva, sollecitato da Elena Lissoni e da Laura Polo D’Ambrosio, curatrici della mostra, che hanno raccontato dell’artista Vaglieri e di quest’opera in particolare anche all’interno di una lunghissima tradizione di crocifissioni cristiane e/o laiche, il cardinale Scola ha subito precisato di non voler parlare da esperto di arte, ma di voler semplicemente interagire con questo quadro.

“L’opera d’arte ha una marcia in più nello sguardo sulla realtà - ha esordito Scola - perché dice in maniera pubblica l’interazione del soggetto con la realtà stessa. E’ una modalità veramente singolare di comunicare, che costringe ad un coinvolgimento, sia esso di fascino o anche di rifiuto. Da questo punto di vista l’opera d’arte eleva la realtà al quadrato, la comunica e la esprime molto di più di quanto noi normalmente siamo abituati a fare: rompe il mondo dell’abitudine, o il mondo del fantasmare. Rende presente la realtà, e genera un incontro, che muove e sommuove il mio io dal profondo. L’opera d’arte, per l’uomo nord-occidentale, è stato sempre un luogo di grande attrattiva, e anche di grande cultura”.

E’ positiva dunque, ha sottolineato il cardinale ricordando il richiamo esercitato dal patrimonio del Duomo di Milano piuttosto che dalle mostre allestite nel vicino Palazzo Reale, l’attuale grande attenzione verso il fenomeno artistico: il problema semmai è di offrire non soltanto un godimento immediato, e dunque occorre che tutto questo sia accompagnato ed educato, ad iniziare dagli anni della scuola.

Tino Vaglieri 024La serata si è poi dipanata in un fitto dialogo attorno al significato più profondo del quadro di Vaglieri, all’affermazione del valore e della dignità di ogni singola persona, della centralità dell’uomo anche nei momenti più tragici e terribili come quelli rappresentati dal minatore dilaniato dall’esplosione. Fino alla morte dunque, e alla speranza comunque della possibilità dell’incontro “con un altro, con qualcuno - ha spiegato Scola – che ci ama definitivamente oltre la morte, e ci consente dunque già adesso di amare, perché sappiamo di essere amati oltre questo tremendo passaggio. Allora anche l’abisso si apre ad una speranza: perché l’unica cosa che nella vita dà speranza certa è l’amore, non ci sono altre cose”.

Un incontro, quello di lunedì sera, vissuto anche di digressioni ironiche e di scambi di battute tra l’arcivescovo emerito e Oreste Bellinzona: si è parlato dunque anche del derby meneghino, con sfottò dell’interista Bellinzona nei confronti del cardinale milanista, ma anche della vocazione del gallerista: “Lei si proclama ateo - così Scola ha incalzato Bellinzona - ma in realtà è più credente di me!”. Il tutto chiosato dall’intervento divertito di Michele Tavola, oggi curatore presso le Gallerie dell’Accademia di Venezia, che ha ricordato di aver previsto già anni fa la conversione di Bellinzona e di aver scritto del suo funerale in pompa magna celebrato proprio dall’arcivescovo Scola.

Nei prossimi giorni sarà disponibile in rete (pagina Facebook @CentroCulturaleAManzoni)
la videoregistrazione della serata

La mostra
Tino Vaglieri. Dalla Sicilia a Marcinelle. Estate 1956
resta aperta fino al 20 aprile 2019
Galleria Bellinzona, Via A. Visconti 12, Lecco

Orari:
martedì - sabato 14.30 - 19.00
sabato e domenica 10.00 - 12.30
altri orari su appuntamento

Contatti:
Tel. +39 0341365488 - Cell. +39 336341038
info@galleriabellinzona.it - www.galleriabellinzona.com

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Aprile 2008 a San Giovanni Rotondo (Foggia), la salma di san Pio da Pietrelcina viene esposta alla venerazione dei fedeli.

Social

newTwitter newYouTube newFB