Lecco, 12 settembre 2018   |  
Cultura   |  Chiesa

Il Cardinal Scola presenta a Lecco il suo libro "Ho scommesso sulla libertà"

La serata permetterà di ascoltare le parole del Cardinale e di approfondire molti temi della sua prima autobiografia

INVITO def angelo scola

Un protagonista assoluto della vita recente della Chiesa, capace di mostrare grande profondità di analisi. Un testimone lucido che ha sempre saputo parlare non solo di religione e non solo ai credenti. Un cardinale che non ha mai dimenticato le sue origini né la terra in cui è nato.

Il Cardinale Angelo Scola sarà protagonista a Lecco di una serata organizzata da Assocultura Confcommercio Lecco in collaborazione con il Centro Culturale Alessandro Manzoni e con il sostegno della Camera di Commercio di Lecco, della Casa Editrice Solferino, del Centro San Nicolò, della Libreria Cattaneo e di Leggermente.

Al centro dell'incontro, in programma il prossimo 9 ottobre alle ore 21 a Lecco (ingresso libero), l'autobiografia del Cardinale dal titolo "Ho scommesso sulla libertà" (Solferino; 300 pagine) scritta insieme a Luigi Geninazzi, giornalista lecchese e storico inviato dell'Avvenire.

Sul palco dell'Auditorium della Casa dell'Economia di Lecco saliranno, oltre al Cardinale e a Geninazzi, anche Monsignor Davide Milani, nuovo prevosto di Lecco, e Maria Laura Conte, direttrice Comunicazione Fondazione Avsi. A introdurre la serata saranno i saluti del presidente di Assocultura Confcommercio Lecco, Antonio Peccati, e del presidente del Centro Culturale Alessandro Manzoni, Gianluca Bezzi.

La serata permetterà di ascoltare le parole del Cardinale e di approfondire molti temi della sua prima autobiografia: dal ruolo della religione all'immigrazione, dalle questioni etiche al valore dell'Europa, senza dimenticare i rapporti con il Papa Emerito Benedetto XVI e con Papa Francesco o i ricordi d'infanzia legati a Lecco. Tutti temi che si intrecciano con la parola che sta al centro del volume da poco in libreria, ovvero libertà.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

23 Settembre 1943 Salvo d'Acquisto si offre in cambio della vita di 22 civili rastrellati dai tedeschi per rappresaglia contro un attentato compiuto il giorno prima, viene fucilato a Roma, in località Torrimpietra. Riceverà la Medaglia d'Oro al Valor Militare.

Social

newTwitter newYouTube newFB