Lecco, 02 settembre 2018   |  

Il 680° Anniversario della realizzazione del Ponte Azzone Visconti

L’allora Ponte di Lecco di manzoniana memoria, chiamato Ponte grande prima della comparsa del nuovo Ponte, venne fatto costruire da Azzone Visconti nel 1336 e ultimato nel 1338

ponte 001 3

Sabato 8 settembre alle ore 17.30 nello studio Bibliografico G. Maître di Via Bovara 19 a Lecco, in occasione della rassegna di fotografie a opera di Andrea Caronni dal titolo “il Ponte di Lecco e il villaggio di Pescarenico”, sarà presentata anche la pubblicazione artistica  “Ponti sotto la lente” in occasione del 680° Anniversario della realizzazione del Ponte Azzone Visconti.

L’allora Ponte di Lecco di manzoniana memoria, chiamato Ponte grande prima della comparsa del nuovo Ponte, venne fatto costruire da Azzone Visconti nel 1336 e ultimato nel 1338. Con la nascita del Ponte nuovo, venne spontanea l’idea di mutare il nome del Ponte visconteo in Ponte vecchio.

In seguito alla morte del presidente degli Stati Uniti d’America i lecchesi decisero di dare il nome Kennedy a questa innovativa struttura in cemento armato dalla fantastica falcata centrale (progettata dall’ing. Danusso).

Aristide Milani, per suggellare una volta per tutte la storicità del Ponte visconteo, ha composto ed editato nel 2004 un poemetto di 900 decasillabi in lecchese dal titolo “Stu Punt de Lècch benedètt”.

Un’ edizione artistica realizzata in tiratura limitata a 200 esemplari dotati di 2 silografie originali: l’effige di Gian Giacomo Medici inserita all’antiporta del volume e quella di copertina che rappresenta il Ponte lapideo fortificato. Ricavata, quest'ultima, dall’affresco realizzato nella Sala delle vittorie del Castello mediceo a Melegnano risalente alla metà del XVI secolo, riproducente l'ingresso in Lecco delle truppe di Gian Giacomo Medici detto il Medeghino.

Riguardo alla paternità del ponte al lago, cui è indissolubilmente associato, troviamo - racconta Milani - una traccia di estremo romanticismo nei primi versi del capitolo I de“I Promessi sposi”, opportunamente scolpiti sulla lapide posta in bella vista sulla murata del Fortilizio di lecco accanto all'idrometro: «... e il ponte, che ivi congiunge le due rive, par che renda ancor più sensibile all’occhio questa trasformazione, e segni il punto in cui il lago cessa, e l’Adda ricomincia...,».

Addolcendo, con il singolarissimo ponte sul lago il panorama al punto tale da distinguersi in originalità da tutti gli altri laghi europei: così amorevolmente abbracciato con le sue undici arcate alle rive invano separate...

L’idea di realizzare questo libro - conclude Milani - è scaturita dall’insofferenza avvertita dal momento che la ricerca di una qualsivoglia pubblicazione sistematica che riguardasse questo benedetto Ponte mi ha lasciato a mani vuote. Risultando solo la pubblicazione di un opuscolo ad opera dell’ing. Pietro Pensa.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Settembre 1924 è inaugurato a Lainate il primo tratto dell'Autostrada dei laghi, da Milano a Varese, la prima autostrada realizzata al mondo.

Social

newTwitter newYouTube newFB