Lecco, 13 giugno 2017   |  

I veterinari portano cani e cavalli nelle scuole

Il progetto si è svolto presso 5 istituti scolastici delle scuole primarie dell’ATS della Brianza

IMG 3055

I visi sorridenti e interessati dei bambini hanno caratterizzato gli incontri organizzati dal Dipartimento Veterinario dell’ATS della Brianza nelle scuole di Lecco e Monza, con degli ospiti speciali: cani e cavalli.

Il progetto si è svolto presso 5 istituti scolastici delle scuole primarie dell’ATS della Brianza: La Nostra Famiglia a Lecco, Scuola Primaria F. Filzi di Bonacina a Lecco, Scuola Primaria S. Pellico di Malnago a Lecco, Scuola Primaria Diaz di San Giovanni a Lecco e I.T.C. "A. Sassi" di Renate (MB). Gli incontri hanno riguardato e coinvolto i seguenti soggetti: 17 classi e 331 alunni.

Nell’ambito del Piano di promozione alla salute dell’ATS della Brianza, da alcuni anni il Dipartimento Veterinario ha organizzato degli interventi specifici presso alcuni istituti scolastici del territorio con impiego di animali quali cani e cavalli, al fine di affiancare alla divulgazione di concetti teorici anche l’esperienza dell’approccio, dell’osservazione e del contatto diretto con gli animali.
Il percorso, già attivato negli anni precedenti, è stato nuovamente proposto nell’anno 2017, visto il notevole successo ottenuto e le numerose richieste di intervento da parte delle strutture scolastiche del territorio.

L’attività è stata realizzata strutturando un approccio di tipo ludico/educativo, tale da stimolare gli alunni a una riflessione sul loro rapporto con gli animali, alla comprensione del loro linguaggio, al fine di capire e accettare la “diversità” e infondere il rispetto e la responsabilità, per prevenire eventuali problemi legati alla non corretta convivenza uomo-animale e porre i presupposti di un rapporto “virtuoso”.

In particolare questa attività si pone i seguenti obiettivi:
- Trasmettere semplici nozioni sulle caratteristiche fisiche e comportamentali del cane e del cavallo;
- Trasmettere semplici concetti circa il linguaggio degli animali e le loro necessità fisiologiche ed etologiche;
- Far percepire il concetto di benessere e di diversità;
- Sviluppare brevi esperienze sensitive guidate da personale esperto;
- Insegnare l’approccio a questi animali e il loro rispetto, al fine di prevenire possibili “incidenti”, quali le lesioni da morsicatura, documentati dalle purtroppo frequenti notizie di stampa;
- trasmettere il rispetto per gli altri esseri viventi, per la salvaguardia del loro benessere, per creare i corretti presupposti per educare le nuove generazioni alla convivenza e a un rapporto consapevole e razionale con l’animale.

“L’obiettivo di lungo termine – sottolinea il Responsabile del Dipartimento Veterinario Fabrizio galbiati - si potrà realizzare solo coinvolgendo tutta la struttura organizzativa delle istituzioni scolastiche, dagli uffici provinciali ai tavoli delle “scuole che promuovono salute”, con una formazione diretta degli insegnanti, che sono i primi attori nella promozione dei corretti stili di vita, con tutto il supporto e la disponibilità del personale del Dipartimento veterinario della ATS Brianza, compatibilmente con gli altri compiti istituzionali previsti”.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Agosto 1840 inaugurazione della Ferrovia Milano-Monza

Social

newTwitter newYouTube newFB