Lecco, 28 novembre 2018   |  

I Tagliaferri gestiranno il Rifugio Campelli ai Piani di Bobbio

Inaugurazione della nuova gestione e della stagione sciistica sabato 8 dicembre dalle 10 del mattino.

WhatsApp Image 2018 11 27 at 22.42.09

La passione per la montagna e per la cucina tradizionale di qualità. Con queste premesse, la famiglia Tagliaferri annuncia il via di un nuovo ed ambizioso progetto.

A seguito alle soddisfazioni raccolte grazie alla gestione del ‘Ristorante 2184’ presso i Piani Resinelli, la famiglia originaria di Ballabio ha deciso di ampliare il proprio impegno lanciandosi in una nuova avventura: la gestione del Rifugio Campelli ai Piani di Bobbio.

Location storica della stazione sciistica lecchese, nata intorno agli anni ’60, il Rifugio Campelli, completamente rinnovato e pronto ad accogliere la clientela anche con il servizio di pernottamento, propone una cucina tradizionale di qualità, tipicamente montana ed apprezzata dai fruitori, e non solo, delle piste di Bobbio.

“La nostra famiglia – racconta Ferdinando ‘Dado’ Tagliaferri – intraprende questa nuova avventura con il massimo entusiasmo e con tutta la dedizione necessaria, presupposti che hanno da sempre caratterizzato anche il nostro ‘Ristorante 2184’ dei Piani Resinelli. Non vediamo l’ora dell’inaugurazione”.

Uno dei motivi che ha spinto la famiglia Tagliaferri a lanciarsi in questa nuova sfida, è senza dubbio il legame affettivo che ha con la località Piani di Bobbio, dato che, tutti tra figli e nipoti, hanno trascorso l’infanzia con gli sci ai piedi, insieme al mitico Rinaldo, co-fondatore della prima scuola di sci a Bobbio.

La famiglia Tagliaferri, oltre ad invitare tutti a seguire gli aggiornamenti e l’offerta del Rifugio Campelli attraverso i profili Facebook e Instagram, vi aspetta per l’inaugurazione della nuova gestione e della stagione sciistica sabato 8 dicembre dalle 10 del mattino.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Dicembre 1842, a Fraciscio di Campodolcino (Como),  nasce don Luigi Guanella (morirà a Como il  24 ottobre 1915), riconosciuto santo dalla Chiesa cattolica.  A lui si deve la fondazione delle congregazioni cattoliche dei Servi della Carità e delle Figlie di Santa Maria della Divina Provvidenza.

Social

newTwitter newYouTube newFB