Lecco, 18 aprile 2018   |  

I Santi e la madre di Dio

di Gabriella Stucchi

Un libro di alto pregio per ogni cristiano che voglia approfondire e rafforzare la propria fede.

I santi e la Madre di Dio

L’autore, il Cardinale Angelo Amato, Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, nella Prefazione definisce Maria «la maestra dei Santi», «l’educatrice di coloro che, mettendo in pratica la parola di Gesù, abbracciano la radicalità evangelica».

Tutta la I parte è quindi dedicata a Maria, colei che, come «madre pietosa», «mite e umile di cuore», incarna, rappresenta le beatitudini, offrendo conforto e speranza agli afflitti, proclamando la giustizia, vissuta con una passione travolgente di donna e di madre premurosa. Maria è chiamata nella Salve Regina «madre di misericordia», riconosciuta sia nella tradizione occidentale, sia in quella orientale, con iconografie diverse.
Maria è poi la «povera ideale del Regno di Dio»: il Magnificat accoglie le aspirazioni dei poveri ed è un inno alla povertà spirituale.

Maria è «madre ed educatrice dei santi» e la santità perfetta della Chiesa vede in lei la sua concretizzazione. I santi hanno trovato in Maria la madre, il modello, l’educatrice nell’esercizio eroico delle virtù della fede, della speranza e della carità: Maria è la “maestra” di san Giovanni Bosco e la “mamma celeste “ di san Pio da Pietrelcina.

Una parte considerevole è dedicata alle apparizioni di Lourdes a Bernadette, a cui Maria rivela di essere l’Immacolata Concezione. L’autore si sofferma poi sui tre veggenti di Fatima, di cui due fratellini, Francisco e Giacinta, sono canonizzati, mentre della cugina Lucia è in corso la causa di beatificazione. La loro storia è ricca di particolari, da cui traspare la pratica del sacrificio, pur rimanendo sempre bambini.

La santità dei piccoli è definita dall’autore “benedizione celeste”: essi si fanno «educatori di vita cristiana nella Chiesa». Un intero capitolo è riservato all’analisi sui “segreti di Fatima” e sulla loro interpretazione, dove risalta l’attentato a papa Giovanni Paolo II il 13 maggio 1981, in cui la pallottola fu sviata dalla mano materna di Maria.

La seconda parte del libro contiene omelie su numerosi santi/e e beati/e, di cui si espone la vita, evidenziando i carismi, l’influsso esercitato nella Chiesa, nei fedeli, tanto che alcuni/e sono diventati fondatori di Comunità religiose, monastiche.
La maggior parte di questi è poco nota, quindi la lettura è molto utile non solo per la conoscenza, ma anche per cogliere i doni di cui sono stati forniti, a tal punto da diventare soggetti di profonda devozione popolare.

La terza parte del libro raccoglie conferenze, relazioni e interviste. Si comunica che nel 2017 ci sono state 19 cerimonie di beatificazione in varie parti del mondo; in complesso sono stati beatificati 198 martiri. Questi eventi sono richiami efficaci della vocazione universale alla santità dei battezzati. Le cerimonie di beatificazione, con grande partecipazione di persone, diffuse anche attraverso i mezzi di comunicazione, oltre ad essere una manifestazione comunitaria di religiosità popolare, contengono anche un valore teologico, poiché i santi sono testimoni viventi della santità della Chiesa nei secoli e sono proposti come modelli per l’esaltazione della fede cattolica: essi praticarono in modo eroico le virtù, superando difficoltà interiori ed ostacoli esterni, nella sequela di Cristo, per diffondere la “buona notizia” del Vangelo in tutto il mondo. Da qui anche la dimensione missionaria dei santi, che esprimono una fraternità umana universale.

La canonizzazione, chiarisce l’autore, viene riconosciuta quando un martire o un confessore, dopo la beatificazione, compie un miracolo: in questo caso il Sommo Pontefice dichiara che un fedele cattolico è nella gloria eterna del paradiso, intercede per noi presso il Padre e può essere pubblicamente venerato da tutta la Chiesa.

Il libro si chiude con una rassegna dei martiri europei del XX secolo e con chiarificazioni sul tema delle reliquie.

Solo la lettura accurata e minuziosa delle 369 pagine del libro può fornire un’idea precisa del suo profondo valore: i dati biografici dei singoli santi; il ruolo da essi assunto nel contesto storico-geografico in cui vissero; il modo singolare con cui testimoniarono la loro fede, a servizio di Dio e dei fratelli, seguendo il messaggio evangelico con umiltà e dedizione totale, sono i passaggi su cui soffermarsi, meditare, confrontarsi, alla luce della Parola di Dio, che è il punto di riferimento.

Un libro di alto pregio per ogni cristiano che voglia approfondire e rafforzare la propria fede.

Angelo Amato “I Santi e la Madre di Dio” Libreria Editrice Vaticana – euro 35.00

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

21 Agosto 1991 la Lettonia dichiara l'indipendenza dall'Unione Sovietica

Social

newTwitter newYouTube newFB