Lecco, 01 settembre 2017   |  

I musulmani lecchesi celebrano la festa di Abrano e dell'Agnello

di Mario Stojanovic

Folta presenza nel centro islamico Assalam di Chiuso per la celebrazione condotta dal'Imam Usama El Santawy.

festa abramo 2017 moschea 3

Centinaia di fedeli musulmani si sono ritrovati questa mattina presso il centro islamico Assalam di Chiuso (Lecco) per celebrare la festa del Sacrificio. In questa occasione l'Islam ricorda la testimonianza di fede di Abramo che era pronto a sacrificare il proprio figlio per volere di Dio.

L'imam di Lecco Usama El Santawy ha così spiegato il senso di questa ricorrenza: “La festa di oggi ci ricorda come la fede di Abramo abbia superato la prova di sacrificare il proprio foglio e come Dio abbia fermato la sua mano. In memoria di questo ci ritroviamo in preghiera ringraziando Dio e durante la giornata ciascuno sacrificherà un agnello, come Abramo, condividendolo in famiglia, con i vicini di casa e con i poveri”.

Nel suo sermone l'Imam ha toccato anche il tema del terrorismo: “Ribadiamo ancora una volta la nostra totale contrarietà a qualsiasi atto violento che va contro l'umanità. Noi, come comunità locale, ma anche nazionale e internazionale, essendo la nostra una fede universale, non possiamo che contrastare l'estremismo e il fondamentalismo”.

“La mia fiducia in Dio - termina El Santawy – è sempre grande anche per il futuro, meno quella negli uomini di oggi, immersi nel materialismo e consumismo, che li distoglie dalla vita e dalla realtà allontanandoli da Dio”.

 

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Settembre 2008 Taro Aso, 68 anni, è il primo cristiano ad essere eletto primo ministro in Giappone.

Social

newTwitter newYouTube newFB