Lecco, 07 febbraio 2018   |  

I canti ambrosiani del coro Aurora Totus per la messa in latino

Appuntamento in Santa Marta domenica 11 febbraio alle ore 17.30

Messa antica 8

Compie un anno la celebrazione della messa in latino e rito ambrosiano antico nella chiesa di Santa Marta a Lecco. Nell’occasione, domenica 11 febbraio alle ore 17.30 la messa sarà celebrata in forma cantata con la partecipazione del coro Aurora Totus di Milano.

La solenne liturgia è la messa della “Domenica di Quinquagesima”: questa, nel calendario liturgico tradizionale, è la denominazione dell’ultima domenica del ciclo pre-quaresimale, che fa da cerniera fra il tempo di Natale e il tempo che culminerà con la Pasqua. Il suo carattere di transizione è evidente da alcuni particolari della liturgia: da una parte i paramenti adottano il colore morello, proprio dei tempi penitenziali; dall’altra si mantengono il Gloria e l’Alleluia ed è ancora consentito il suono dell’organo.

Nella domenica di Quinquagesima il tema dominante è l’annuncio della Quaresima come tempo di maturazione: sarà raccolto quello che è stato seminato; si invitano i fedeli a separarsi dalle cose cattive e a dedicarsi all’opera di Dio. Questo è il filo rosso che, oltre alle letture, accomuna la splendida collana di testi e melodie del canto ambrosiano di questo giorno.

Il coro Aurora Totus di Milano, diretto da Laura Groppetti, nasce all’interno del sodalizio Cantori Ambrosiani, da anni attivo nello studio, nella diffusione e nella valorizzazione del patrimonio musicale ambrosiano. Fondata da Ferruccio Ferrari, profondo cultore della liturgia e del canto ambrosiano, e autore di libri per il canto liturgico editi in collaborazione con la Diocesi di Milano, l’associazione ha attivato una rete di cori che cantano o intendano imparare il repertorio ambrosiano. Il coro Aurora Totus canta regolarmente in liturgia e tiene inoltre concerti e altre iniziative divulgative.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

19 Novembre 1969 l'agente della Polizia di Stato, Antonio Annarumma, diventa la prima vittima degli Anni di piombo in Italia.

Social

newTwitter newYouTube newFB