Lecco, 07 febbraio 2018   |  

I canti ambrosiani del coro Aurora Totus per la messa in latino

Appuntamento in Santa Marta domenica 11 febbraio alle ore 17.30

Messa antica 8

Compie un anno la celebrazione della messa in latino e rito ambrosiano antico nella chiesa di Santa Marta a Lecco. Nell’occasione, domenica 11 febbraio alle ore 17.30 la messa sarà celebrata in forma cantata con la partecipazione del coro Aurora Totus di Milano.

La solenne liturgia è la messa della “Domenica di Quinquagesima”: questa, nel calendario liturgico tradizionale, è la denominazione dell’ultima domenica del ciclo pre-quaresimale, che fa da cerniera fra il tempo di Natale e il tempo che culminerà con la Pasqua. Il suo carattere di transizione è evidente da alcuni particolari della liturgia: da una parte i paramenti adottano il colore morello, proprio dei tempi penitenziali; dall’altra si mantengono il Gloria e l’Alleluia ed è ancora consentito il suono dell’organo.

Nella domenica di Quinquagesima il tema dominante è l’annuncio della Quaresima come tempo di maturazione: sarà raccolto quello che è stato seminato; si invitano i fedeli a separarsi dalle cose cattive e a dedicarsi all’opera di Dio. Questo è il filo rosso che, oltre alle letture, accomuna la splendida collana di testi e melodie del canto ambrosiano di questo giorno.

Il coro Aurora Totus di Milano, diretto da Laura Groppetti, nasce all’interno del sodalizio Cantori Ambrosiani, da anni attivo nello studio, nella diffusione e nella valorizzazione del patrimonio musicale ambrosiano. Fondata da Ferruccio Ferrari, profondo cultore della liturgia e del canto ambrosiano, e autore di libri per il canto liturgico editi in collaborazione con la Diocesi di Milano, l’associazione ha attivato una rete di cori che cantano o intendano imparare il repertorio ambrosiano. Il coro Aurora Totus canta regolarmente in liturgia e tiene inoltre concerti e altre iniziative divulgative.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

25 Maggio 1992 a Palermo si celebrano i funerali di Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo e dei tre agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, vittime della Strage di Capaci

Social

newTwitter newYouTube newFB