Lecco, 22 dicembre 2016   |  

I bimbi della Pietro Scola aiutano i profughi della Siria e i terremotati

I piccoli alunni si sono dati appuntamento al pomeriggio e, con l’aiuto delle mamme, hanno realizzato mele di San Nicolò, lavoretti e dolci

bimbi mele

Tra pochi giorni è Natale, e sulle pagine dei giornali si continuano a leggere righe di dolore per quello che sta succedendo nel mondo: gli attentati, l’esodo dei profughi dalla Siria, il senso di impotenza provato dai terremotati che in pochi minuti hanno perso tutto. Ma sempre sulle stesse pagine di giornale si leggono anche alcune testimonianze di un bene che nasce comunque dentro tutto questo: come un fiore tra le pietre. Questo è quello che è accaduto anche alla scuola primaria “Pietro Scola”: le maestre hanno proposto ai bambini piccoli gesti per aiutare i profughi in Siria e i terremotati in Italia.

E da qui sono nate tante iniziative: i piccoli alunni si sono dati appuntamento al pomeriggio e, con l’aiuto delle mamme, hanno realizzato mele di San Nicolò, lavoretti e dolci dalla cui vendita sono stati ricavati ben 1820 euro. Si è trattato di gesti piccoli, ma che sono nati da un desiderio grande di bene. I bambini hanno riscoperto che nessun male, nemmeno la guerra o gli attentati, possono togliere la possibilità di compiere il bene e di sperimentare una grande gioia nel farlo. “Un grazie speciale va non solo ai bambini, ma anche ai genitori che hanno vissuto con noi insegnanti questa opportunità” spiega la preside Annamaria Formigoni.

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

24 Maggio 1883 Il ponte di Brooklyn viene aperto al traffico dopo 14 anni di costruzione

Social

newTwitter newYouTube newFB