Lecco, 10 aprile 2017   |  

I 165 anni della Polizia di Stato nel ricordo dell'agente Pischedda

di Stefano Scaccabarozzi

Il vicario Gabriella Acca: a nome mio e di tutta la nostra struttura voglio mandare un abbraccio alla famiglia e dire loro che non li abbandoneremo

IMG 8160

Nella mattinata di oggi, lunedì 10 Aprile, anche a Lecco come in tutte le Provincie d’Italia si è ricordato il 165° Anniversario di Fondazione della Polizia di Stato.

I festeggiamenti sono iniziati alle ore 10 presso la Questura con la deposizione della corona d’alloro alla lapide dedicata ai Caduti della Polizia di Stato. A seguire, in Camera di Commercio, è stata la volta della lettura dei messaggi del Capo dello Stato e delle altre Autorità; saluto del Vicario del Questore Gabriella Acca e consegna dei riconoscimenti al personale che si è distinto per particolare senso del dovere.

pischedda

L'agente Pischedda

Toccante il ricordo dell'agente Francesco Pischedda, morto a febbraio durante un'operazione a Colico: «una giovane vita dedicata con onore alla Polizia di Stato. – ha sottolineato la dottoressa Acca – Oggi a nome mio e di tutta la nostra struttura voglio mandare un abbraccio alla famiglia e dire loro che non li abbandoneremo. Un abbraccio lo vogliamo mandare anche all'agente Pettinato che Dio ha voluto che sia ancora con noi e a tutti quei ragazzi presenti in quelle operazioni che hanno dunque vissuto quei tragici momenti».

Per quanto riguarda invece le situazione sicurezza nel nostro territorio: «sono diminuiti i reati predatori, quelli che generano più allarme sociale, questo significa che la nostra opera di prevenzione e contrasto ha avuto effetto. Sono state mappate le zone più colpite e si è quindi proceduto a potenziare le attività di controllo. In un anno 2.464 pattuglie si sono mosse nel territorio oltre a quelle della Stradale», ha spiegato il vicario Acca, che in attesa del nuovo Questore ne esercita i poteri.

Compito della Polizia di Stato è però anche quello di infondere sicurezza nei cittadini: «la paure del crimine nei cittadini è talvolta anche maggiore a quanto risulta dai dati. Seve dunque un'azione per infondere fiducia nei confronti degli organi preposti a fare sicurezza. Dobbiamo quindi continuare a mettere in pratica il nostro motto “esserci sempre”, continuando la proficua vicinanza con le altre forze dell'ordini: essere vicini alla gente, andandogli incontro, presidiando il territorio, facendo informazione, promuovendo la legalità nelle scuole e con assoluta vicinanza alle vittime di reati».

Ritrovaci su Facebook

Caleidoscopio

17 Agosto 1840 inaugurazione della Ferrovia Milano-Monza

Social

newTwitter newYouTube newFB